Dopo l’anno sabbatico, il 2018, in cui di Kia Soul elettriche in Italia ne sono state vendute zero (perché ordinate altrettante dalla filiale italiana), torna ad affacciarsi sul mercato la e-Soul, realizzata sulla base della terza generazione.

Due versioni, mid e long range, due allestimenti, Style e Energy, per un crossover urbano che sul mercato europeo sarà proposto d’ora in poi solo con motore a zero emissioni. Prima di affrontare il discorso batterie, autonomia e potenze, c’è da dire che rispetto alla vecchia generazione del 2014 l’estetica non è stata rivoluzionata: sono aumentate di poco le dimensioni e l’intervento più sostanziale forse è quello dell’interasse che si è allungato di 30 mm, facendo guadagnare all’abitacolo ancora più spaziosità e comfort di quanto non ce ne fosse già prima, vista la stazza “generosa” della e-Soul.

Il design esterno è rimasto fedele alle linee ben marcate della passata generazione, soprattutto del profilo, mentre il frontale perde l’iconico tiger nose della Casa coreana con i fari full LED, che si fanno più sottili. Anche il posteriore ha i gruppi ottici rivisitati, che con una linea continua incorniciano il lunotto.

Internamente il comfort non manca, grazie come detto all’interasse allungato: quindi buoni spazi sia per i passeggeri dei i sedili anteriori (multi-regolabili) quanto posteriori. Il posto guida è facilmente adattabile a qualsiasi preferenza di postura e anche l’head-up display, che riporta le informazioni di navigazione e velocità, può essere regolato tramite i comandi al volante. Il quadro della strumentazione, digitale, è piuttosto chiaro e semplificato: anche questo riporta le info di guida -gestibili pure dal navigatore dell’ampio touchscreen da 10,25” – e anche il conteggio dell’autonomia residua.

Al di sotto della plancia non aspettatevi di trovare un cambio convenzionale, automatico o manuale che sia: un selettore, infatti, consente di inserire retromarcia (R), folle (N) e guida (D). Intorno, i tasti per regolare la climatizzazione dei sedili anteriori, l’accensione/spegnimento del motore e il selettore della modalità di guida: si può scegliere fra normale, sportiva e eco, ad alta efficienza.

Eccoci allora alla guida della long range da 455 km di autonomia, batteria da 64 kWh e motore da 204 Cv: impostando la modalità “eco”, la velocità massima non supera i 90 orari (a meno che non si prema l’acceleratore a tavoletta) e l’autonomia viene preservata quanto più possibile. Mentre passando a “sport” il motore esprime la sua generosa coppia motrice con più veemenza, ma l’autonomia si riduce più velocemente. Si recupera qualcosa tornando alla modalità ecologica e specialmente utilizzando la frenata rigenerativa: si regola attraverso due paddle al volante, con cui è possibile inserire e calibrare tale sistema che, una volta lasciato il pedale dell’acceleratore, comincia a far rallentare l’auto in modo più o meno consistente in base al livello impostato, dall’1 al 3.

La guida della e-Soul è piacevole e dinamica, tanto nella modalità standard quanto in quella sportiva, grazie alla coppia motrice di quasi 400 Nm, espressa pressoché istantaneamente.

L’elettrica di Kia è proposta in due allestimenti, Style (non è prevista nella versione Mid range con batteria da 39,2 kWh, 276 km di autonomia e 136 CV di potenza) ed Energy. Il prezzo di partenza è 39.600 euro.

Ma il costruttore coreano, che entro il 2021 prevede un’integrazione di altri 19 modelli eco-friendly nella sua gamma, ha presentato anche la versione a zero emissioni del primo crossover ibrido Niro, lanciato nel 2017: anche e-Niro cambia poco nelle dimensioni, e si alza di qualche millimetro per ospitare il pacco batterie alla base. L’unica versione che sarà disponibile dai prossimi mesi parte da 42.500 euro. Su entrambe le EV di Kia, infine, tanta tecnologia grazie pure all’UVO Connect, che consente il collegamento tramite Bluetooth di due smartphone contemporaneamente e l’integrazione di servizi telematici, per scambiare dati e informazioni tra il proprio dispositivo e l’auto. La connessione dati 4G è garantita (e gratuita) per 7 anni e fornita da Vodafone.

KIA e-SOUL – SCHEDA TECNICA

Il modello: terza generazione di e-Soul, crossover elettrico e unica versione di Soul che la Casa coreana distribuirà sul mercato europeo

Dimensioni: 4,195 m di lunghezza, 1,605 m di altezza e passo di 2,600 m

Motore: nella versione High-range, batterie da 64 kWh, 204 Cv di potenza e 455 km di autonomia; nella versione Mid-range, 39,2 kWh, 136 Cv e 276 km

Consumi omologati nel ciclo WLTP: 157 Wh/km per la versione Long-range e 156 Wh/km per quella Mid-range.

Prezzi: da 39.600 euro per e-Soul e a partire da 42.500 euro per e-Niro.

Ci piace: efficienza di guida senza rinunciare alla vivacità, comfort e connettività.

Non ci piace: l’estetica non è per tutti i gusti, ma comunque esprime il carattere spiccato del modello; selezionando lo step più alto, la frenata rigenerativa può risultare “invadente” durante la guida, soprattutto quando si viaggia su tratti autostradali dove le velocità sono più elevate e il rilascio dell’acceleratore, nell’immediato, restituisce una decelerazione piuttosto sensibile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Honda HR-V Sport, la prova de Il Fatto.it – L’amletica certezza – FOTO

next