Chi è alla ricerca di un fotografo per il proprio matrimonio, può rivolgersi ad Eva: è precisa, non perde mai la pazienza, usa il riconoscimento facciale per segnarsi i nomi degli ospiti a cui scatta le foto, e permette agli invitati di scegliere filtri ed effetti speciali per i loro ritratti. Segni particolari: è un robot.

Da febbraio 2019 si affitta tramite un sito specializzato in robot, e che oltre a Eva mette a disposizione Amy, la receptionist che aiuta anche a trovare il posto al tavolo, e uno stuolo di camerieri robotici. Gary e Megan Barker sono stati i primi sposi a scegliere Eva come fotografa ufficiale nel giorno delle nozze, che si sono tenute al Wroxall Abbey Estate nel Warwickshire, la contea dell’Inghilterra che ha dato i natali a William Shakespeare.

Gli sposi sono stati soddisfatti, e per gli ospiti Eva è diventata un punto di riferimento in men che non si dica.  Gary conferma che a distanza di tempo gli invitati continuano a parlare di Eva e della capacità che ha avuto di coinvolgere le persone.

Oltre tutto con Eva non c’è bisogno di aspettare l’album di nozze o la stampa delle foto: le immagini possono essere caricate immediatamente su una piattaforma di social media a scelta degli ospiti, così da vederle subito. Ha entusiasmato anche il fatto di poter scegliere tra una vasta gamma di opzioni prima di essere immortalati. Fra filtri che ringiovaniscono e temi vintage gli ospiti devono essersi divertiti moltissimo.

Un portavoce di servicerobots.com ha spiegato che “le persone sono alla ricerca di qualcosa di nuovo e memorabile che faccia davvero risaltare il loro evento. Nessuno degli invitati a questo matrimonio dimenticherà mai il suo primo incontro con un fotografo robot”.

Non è dato sapere quanto costi l’affitto di Eva, ma chi vuole stupire i suoi ospiti adesso ha un’idea in più.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon Echo: dietro all’assistente vocale ci sono dipendenti in ascolto?

prev
Articolo Successivo

ConceptD, la gamma di prodotti Acer che strizza l’occhio a registi, fotografi e architetti

next