Un barcone con circa 70 persone a bordo – e non 90 come inizialmente riportato – è stato intercettato mentre si dirigeva verso le coste siciliane: una motovedetta della Guardia di Finanza e una della Guardia costiera sono intervenute trasbordando i migranti sulle due unità e hanno iniziato il trasferimento verso Lampedusa.

L’operazione non viene tecnicamente considerata un soccorso in mare perché l’imbarcazione, a differenza di quanto accaduto ai migranti soccorsi dalla Alan Kurdi, non aveva lanciato nessun segnale di Sos. Il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello, ha poi confermato il “salvataggio” e si è detto in attesa “di saperne di più”, visto che i 70 non sono ancora approdati sull’isola e le operazioni di trasbordo sono ancora in corso.

Immediata la presa di posizione del Viminale che ha fatto sapere di essere al lavoro “per espellere i 90 migranti a bordo del barcone intercettato”. Altrettanto evidente il fastidio del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “In Italia si entra rispettando le regole”, ha detto. “Siamo già al lavoro – ha aggiunto – affinché i 90 clandestini arrivati a Lampedusa vengano rispediti a casa loro nelle prossime ore”.

Le sue parole hanno provocato la reazione del deputato pentastellato Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari costituzionali: “Mi aspetto che un membro del governo non dica bugie agli italiani. È tutto da verificare che i naufraghi sbarcati a Lampedusa, come dice Salvini, possano essere espulsi. Non bisogna improvvisare”. Il parlamentare M5s, vicino al presidente della Camera Roberto Fico, ha puntualizzato: “Chi sbarca va identificato e va poi valutata l’eventuale richiesta d’asilo. Invece di fare propaganda a uso e consumo interno, dobbiamo cogliere l’occasione per riproporre con più forza una soluzione Ue”. “Anche laddove fossero tunisini bisognerà capire le reali possibilità e soprattutto i tempi di un eventuale rimpatrio”, sottolinea Brescia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, striscione di minacce ai collaboratori di giustizia con svastica fuori da una scuola: “La camorra sfida lo Stato”

prev
Articolo Successivo

Napoli, sequestrato il tesoro di Luigi Scavone: ville, Ferrari, Rolex e 5 milioni in contanti. E’ accusato di maxi evasione

next