Due studenti dell’Oregon hanno incassato illegalmente 1 milione di dollari truffando Apple. Sono stati smascherati e stanno affrontando una denuncia penale, la loro vicenda è curiosa, soprattutto per i molti utenti che negli anni hanno avuto difficoltà a farsi sostituire un iPhone guasto dal centro di assistenza. Yangyang Zhou e Quan Jiang, questi i nomi dei due geni della truffa, hanno fatto del ricorso ai centri di assistenza un’arte.

La cronaca è presto fatta: i due acquistavano in Cina montagne di iPhone contraffatti, li spedivano ai centri di assistenza statunitensi lamentando di avere comprato prodotti difettosi, e ottenevano la sostituzione con smartphone nuovi di zecca, originali. Ad aiutarli c’era un complice in Cina. Il trucco consisteva nella qualità dei falsi, che secondo le fonti erano talmente ben fatti da trarre in inganno persino gli ingegneri Apple.

Foto: Depositphotos

 

Come spesso accade, è stata l’ingordigia a sventare la truffa: tra aprile 2017 e marzo 2018 Zhou ha presentato 3.069 richieste di sostituzione, di cui Apple ne ha completate 1.493, per un controvalore di 896 mila dollari. Che fine hanno fatto gli altri 1.576 prodotti? Non sono stati sostituiti perché gli addetti del centro riparazioni li hanno bollati come “manomessi”, invalidando la garanzia, anche se non avevano compreso che fossero dei falsi.

Carico di iPhone contraffatti in arrivo? Foto: Depositphotos

 

Secondo una dichiarazione giurata fornita dall’agente per la sicurezza nazionale Thomas Duffy, la truffa è stata scoperta dopo che la dogana ha sequestrato 95 prodotti falsi inviati alla coppia. Quand’è troppo, è troppo. Da qui a scoprire che cosa stava accadendo il passo è stato breve, è basato un controllo a casa di Jiang per trovare oltre 300 dispositivi contraffatti e documenti incriminanti. Il procedimento penale è in corso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Windows 10, Microsoft cancella la “rimozione sicura” delle chiavette USB

prev
Articolo Successivo

Ikea Symfonisk è la nuova lampada da tavolo smart con altoparlante Sonos integrato

next