Avete poco spazio in casa e trovate difficoltà a collocare altoparlanti e punti luce? La soluzione hi-tech esiste e arriva da Ikea. Il produttore svedese di mobili ha infatti presentato al Salone del Mobile di Milano la lampada smart Symfonisk, con speaker Sonos integrato. La lampada di per sé è un modello da tavolo dallo stile classico e con un abbinamento di colori moderno, che come nello stile Ikea si presta ad essere inserita in moltissimi ambienti. Lo speaker integrato, nascosto nella base, è invece prodotto da Sonos, azienda americana nota per la produzione di sistemi audio collegabili alla rete domestica.

Quello che si può fare con la lampada Symfonisk è riprodurre i brani della propria playlist musicale direttamente dallo smartphone o da un altro dispositivo, a patto che sia collegato alla rete Wi-Fi.

 

L’idea è l’ennesimo tassello del progetto di casa smart che Ikea sviluppa da tempo, e che comprende già luci, tende, soluzioni per la ricarica wireless e altri oggetti smart. Non a caso Björn Block, Business Leader di IKEA Home Smart presso IKEA of Sweden, spiega che l’azienda “è sempre alla ricerca di nuove idee per migliorare la vita in casa. Integrando la tecnologia nei prodotti e nelle soluzioni d’arredo possiamo raggiungere più facilmente questo obiettivo”.

Come sempre Ikea punta sul rapporto prezzo/dotazione per fare centro, e la nuova lampada Symfonisk sarà in vendita da agosto a 179 euro: sembrano molti, ma basta fare una ricerca online per capire che i prodotti Sonos non sono soluzioni di fascia bassa dal prezzo stracciato.

Contestualmente Ikea e Sonos hanno annunciato anche un altro prodotto, che attira meno l’attenzione per originalità: si tratta di un altoparlante da tavolo più tradizionale, che ovviamente comunica senza fili. Costa 99,95 euro. Se volete vi trovate a Milano e volete dare un’occhiata di persona a questi due nuovi prodotti vi consigliamo di andare al Salone del Mobile, presso la Torneria Tortona, in via Novi 5 a Milano entro il 14 aprile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Truffa ad Apple da 1 milione di dollari: due studenti si facevano dare iPhone nuovi e originali in cambio dei falsi

prev
Articolo Successivo

L’Europa dice sì all’Intelligenza Artificiale, ma nel rispetto di sette semplici regole

next