Se state progettando una casa smart o avete bisogno di tende nuove e cercate qualcosa di innovativo, sappiate che da Ikea presto potrete acquistare delle tende smart. Si tratta di tende intelligenti, che si possono controllare tramite smartphone, così come con tutti gli assistenti vocali (Alexa, Google Assistant e Apple HomeKit).

I nuovi modelli, già a catalogo in Germania, fanno parte della linea di prodotti TRÅDFRI e sono stati battezzati KADRILJ e FYRTUR. L’installazione è analoga a quella delle tende tradizionali a rullo, in più rispetto ai prodotti che si riavvolgono manualmente c’è un piccolo motore elettrico alimentato a batteria. Il motore è wireless, quindi non occorre predisporre l’alimentazione elettrica nei pressi della tenda. Una volta caricato mediante cavo USB, il motore va inserito nell’apposito alloggiamento a scomparsa in un’estremità del telaio. Per funzionare dev’essere abbinato all’apposito sensore.

 

Potrete usare il sensore stesso come telecomando per alzare e abbassare le tende, o più semplicemente potrete servirvi dell’app IKEA TRÅDFRI per smartphone, che permette anche di programmare quando la tenda si deve alzare e abbassare automaticamente. Entrambi i modelli di tenda sono compatibili anche con gli assistenti vocali, quindi se avete in casa un prodotto Amazon Echo (per esempio) vi baserà pronunciare un comando a voce per regolare l’apertura e chiusura delle tende.

KADRILJ e FYRTUR sono disponibili in cinque diverse dimensioni per ciascun modello, e stando al listino tedesco online i prezzi dovrebbero variare tra 99 e 149 euro. Sul catalogo italiano le tende smart non figurano ancora, ma considerato che la linea di prodotti TRÅDFRI (di cui le tende fanno parte) è presente sul mercato nostrano, è solo questione di giorni o settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ecco la prima scheda di memoria SDXC da 1 terabyte per i professionisti di foto e video

prev
Articolo Successivo

Per rintracciare un criminale basta il ‘numero di telaio’ del suo smartphone. Vi spiego come si fa

next