Associazione a delinquere di stampo mafioso. È questa la contestazione della Dda di Palermo per 13 persone considerate appartenenti al clan nigeriano “Eiye”. La Squadra Mobile di Palermo sta eseguendo tredici fermi, nell’ambito di un’operazione denominata “No Fly Zone”. L’indagine è partita dopo denuncia di una ragazza nigeriana vittima di tratta e di sfruttamento della prostituzione. Gli accertamenti hanno permesso di individuare in quell’uomo un appartenente al clan Eiye. Gli investigatori hanno individuato la casa dove la donna era costretta a prostituirsi. Gli investigatori hanno ricostruito l’organigramma dell’associazione a livello locale, fino a giungere all’identificazione dei suoi vertici.

Sono numerosi gli episodi, anche violenti, nel corso delle indagini da due collaboratrici di giustizia che hanno aiutato la Squadra mobile di Palermo a indagare. È stata una microspia a registrare quanto accade in una casa di Ballarò a Palermo. In particolare il rito dell’affiliazione: l’adepto, a conferma di quanto raccontato dai collaboratori, viene prima spogliato e poi preso a calci e pugni. Successivamente è costretto a bere un liquido composto dal suo stesso sangue e le sue lacrime. “Lacrime e sangue vengono mescolate con alcol, riso e tapioca, viene chiesto di giurare fedeltà e totale silenzio sulle pratiche dell’organizzazione”, si sente nelle registrazioni delle microspie.

I nuovi adepti, prima di aderire alla costola mafiosa della mafia nigeriana, come documentato dagli inquirenti, devono anche prestare una sorta di giuramento, registrato dalle microspie. “…Debitamente giuro – dice il nuovo affiliato – di sostenere Eiye confraternita moralmente, spiritualmente, finanziariamente e in qualsiasi altro modo e se non lo faccio, che il vulture (avvoltoio ndr) spietato mi strappasse gli occhi…”. Nel corso delle indagini sono stati documentati numerosi episodi violenti riconducibili al clan e alla sua capacità di imporsi sul territorio, nonché diverse attività illecite connesse allo spaccio di stupefacenti e alla prostituzione, principalmente localizzate nel quartiere Ballarò di Palermo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matteo Vinci, il parroco blocca il concerto dell’orchestra Falcone e Borsellino in memoria del giovane ucciso dalla cosca

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, confiscati beni per 5,5 milioni a infermiere dell’Azienda sanitaria sciolta per infiltrazioni

next