A chi è capitato di fare un viaggio all’estero, sarà successo di accendere il PC, il tablet o lo smartphone per vedere in streaming l’episodio di una serie TV, e di non riuscire a farlo. Il motivo è che i diritti televisivi a cui hanno accesso gli italiani valgono solo in Italia. Allo stesso modo, se un utente dall’Italia cerca di guardare i programmi in streaming di un’emittente inglese o tedesca, non riuscirà. O meglio, riuscirà usando una VPN.

Acronimo di Virtual Private Network (rete privata virtuale), consiste in un programma che, fra le altre cose, assegna a PC, smartphone o tablet un indirizzo IP temporaneo che fa credere ai server di accedere da una posizione geografica differente da quella reale. Tornando all’esempio, la VPN farà credere ai server che vi troviate in Italia, quindi potrete vedere i programmi in streaming senza problemi.

Il problema è che chi ha provato a usare una VPN avrà scoperto che non è così semplice, senza le conoscenze tecniche necessarie. È qui che entra in gioco una delle novità più interessanti degli ultimi tempi: Cloudflare ha annunciato un servizio VPN gratuito per le persone che non sanno cos’è una VPN. Cloudflare è una delle aziende più conosciute e affidabili nel content delivery network, e ha regalato al suo servizio 1.1.1.1 la funzionalità VPN gratuita. L’app 1.1.1.1 è già disponibile negli store ufficiali per il download, e presto arriverà anche Warp, una tecnologia che offre un incremento di velocità e privacy a tutto il traffico Internet.

Non serve impostare parametri di rete, padroneggiare sigle strane o altro: basta aprire l’app e autorizzare il dirottamento del traffico. Come si vede nelle immagini che abbiamo catturato, in alto compare una chiave, che indica che la VPN è attiva. A questo punto qualsiasi indirizzo Internet digitiate il traffico è protetto e i contenuti in streaming accessibili. È veloce, e soprattutto è di qualità garantita. Un aspetto non da poco, considerato che la maggior parte dei servizi VPN gratuiti che si trovano online sono spesso poco sicuri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fitbit Inspire HR e Inspire, i braccialetti che monitorano bene il sonno ma sono imprecisi nel conteggio dei passi

prev
Articolo Successivo

Facebook chiede la password della mail ad alcuni utenti, poi ammette che è stata una pessima idea

next