Il ddl Codice rosso sulla violenza sulle donne in discussione alla Camera divide la maggioranza. Il nodo è l’emendamento presentato dalla Lega per l’introduzione – in alcuni casi – della castrazione chimica. “Così è una presa in giro alle donne, si sfrutta la loro paura per fare campagna”, sottolineano fonti M5s, contrario alla modifica. L’emendamento in questione, che modifica l’articolo 165 del codice penale, prevede che “la sospensione condizionale della pena, nei casi di condanna” per reati come la violenza sessuale possa essere “subordinata a trattamenti terapeutici o farmacologici inibitori della libido con il consenso del condannato”. “Noi non prendiamo in giro le donne. Quello della Lega è infatti un emendamento applicabile nei casi in cui è prevista la condizionale. Questo significa che si applica solo a reati minori, dove appunto si prevede la condizionale, come il palpeggiamento ad esempio e non ha senso”, sottolineano dagbli ambienti pentastellati.

Sul tema è intervenuta anche la ministra della salute, Giulia Grillo: “Sono ministro e anche un medico, quindi non posso essere a favore di un provvedimento che riduca l’integrità psicofisica di una persona”. Lo scontro interno alla maggioranza, unito alla protesta delle opposizioni che hanno occupato l’Aula di Montecitorio dopo la bocciatura degli emendamenti sul revenge porn, ha fatto slittare alla prossima settimana l’ok della Camera al ddl codice rosso.

“La violenza sessuale in sé è infatti considerata già nel 4 bis dell’ordinamento penitenziario, per il quale reato è previsto il carcere senza condizionale. Così non risolviamo il problema – incalzano i Cinquestelle – Per noi chi stupra si deve fare l’ergastolo e non deve nemmeno accedere alla condizionale. Si devono fare 30 anni di galera e deve esserci certezza della pena. Punto”.

A schierarsi contro l’emendamento leghista è anche il capogruppo M5s al Senato, Stefano Patuanelli, che a margine della presentazione del disegno di legge “No revenge porn” commenta: “Personalmente non sono d’accordo sulla castrazione chimica, non sto seguendo i lavori alla Camera ma non credo sia un tema su cui il M5S è disponibile”.  “È praticamente impossibile che dia parere favorevole – ha aggiunto – lavoriamo sull’inasprimento delle pene, è là, fra virgolette, che dobbiamo castrare certi comportamenti, che sono obbrobriosi”. D’altronde la possibilità di ricorrere alla castrazione chimica per chi si macchia di reati di tipo sessuale era nel programma di governo di Salvini-Premier. Ma poi la proposta non confluì, come ha ribadito lo stesso Salvini, nel contratto di governo gialloverde.

La castrazione chimica era stata presentata nel programma del Carroccio come misura da adottare all’interno del capitolo su ‘violenza sulle donne e stalking – violenza di genere’ a pagina 19 del testo pubblicato online dal titolo ‘politiche 2018 – la rivoluzione del buonsenso’. Salvini avvertiva come le attuali “pene previste non sono sufficientemente severe né certe”, mentre “in Italia viene commesso un reato ogni 3 giorni” di tipo sessuale. Per la Lega bisognava in ogni caso accorciare “i tempi della giustizia” e “prevedere tempi di intervento certi e più brevi“, arrivando anche alla “castrazione chimica per chi abusa di minori e per chi reitera il reato di violenza sessuale. In numerosi Paesi – si legge nel programma – la castrazione chimica è prevista, fra le pene possibili (ma il soggetto deve essere pienamente informato e consenziente)”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brunei, lapidazione per gay e adulteri e taglio di mano e piede per i ladri: le pene previste dal nuovo codice penale

next
Articolo Successivo

Mercantile dirottato, la vicenda di Malta ha un precedente tutto italiano

next