In Estonia è allo studio un progetto per l’integrazione di “giudici robot” nei tribunali, a cui affidare controversie di modesta entità, per cifre inferiori a 7.000 euro. Sono ancora molti i dettagli da definire, l’idea è che le parti in causa carichino online la documentazione e altre informazioni pertinenti, sulla base delle quali un’Intelligenza Artificiale formulerà una sentenza che potrà essere impugnata da un giudice umano.

Per comprendere la fondatezza del progetto è bene fare qualche precisazione. L’Estonia è uno dei Paesi al mondo con l’eGogvernment (amministrazione digitale) più evoluto. Gli 1,3 milioni di residenti utilizzano da tempo una carta d’identità elettronica e servizi come l’e-voting e il deposito fiscale digitale. I database governativi sono collegati tra loro attraverso un’infrastruttura efficiente, che facilita la condivisione dei dati. Ad esempio, i bambini nati in Estonia vengono automaticamente iscritti alle scuole locali alla nascita, perché i registri ospedalieri sono automaticamente condivisi con le scuole. In un contesto di questo tipo è più facile applicare l’idea di un dibattimento processuale virtuale, rispetto che in altri Paesi.

Foto: Depositphotos

 

Appurato che esiste l’infrastruttura necessaria, perché c’è bisogno di un giudice robot? Perché i tribunali sono intasati, l’arretrato da dibattere è corposo, e smaltirlo sarebbe un doveroso servizio al cittadino. Molte dispute sono di minima entità, spesso amministrative e ripetitive, come per esempio le multe o le controversie contrattuali.

Entro fine anno dovrebbe essere pronto un progetto pilota, gradito ai giudici e agli avvocati in carne ed ossa che potrebbero impiegare il loro tempo a risolvere problemi ben più complessi. L’obiettivo quindi non è quello di rimpiazzare la giustizia con un’Intelligenza Artificiale, ma di permettere ai professionisti del settore di dedicare il tempo e l’attenzione necessarie a dibattimenti che richiedono decisioni difficili.

Resta da vedere come reagiranno i cittadini. Alcuni sono già abituati a interagire con professionisti virtuali della legge. Ad esempio, uno studio legale di Tallinn fornisce assistenza legale gratuita attraverso un chatbot.

Tallinn. Foto: Depositphotos

 

Quello che colpisce di questa vicenda è che l’innovativo progetto è stato affidato al 28enne studente universitario Ott Velsberg, che si è già occupato con successo di diversi progetti di digitalizzazione, per avere un “governo il più snello possibile”. Largo ai giovani!

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, arrivano gli sconti di primavera anche sugli ebook. I ‘lettori forti’ ringraziano

next
Articolo Successivo

Adespresso, quando la startup la fai con 10mila euro (e la vendi per 40 milioni di dollari)

next