In Piemonte non ci sarà nessuna consultazione popolare sulla Torino-Lione. Per lo meno non sarà il 26 maggio, giorno delle elezioni europee e regionali. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha respinto la proposta fatta dal presidente piemontese Sergio Chiamparino di tenere in quell’election day anche il voto sul Tav e al governatore tutto ciò non è piaciuto: “Evidentemente l’opinione dei cittadini fa paura”, ha dichiarato Chiamparino.

L’idea di consultare direttamente i cittadini si era fatta avanti dopo la prima manifestazione Sì Tav del 10 novembre scorso, quando circa 25mila persone si sono ritrovate in piazza Castello a Torino per esprimere il loro sostegno alla grande opera. A gennaio il presidente piemontese, che ha fatto della battaglia per il Tav un tema centrale della sua campagna elettorale, aveva chiesto al consiglio regionale di indire una consultazione popolare, una sorta di referendum consultivo previsto dallo statuto regionale. E così è stato fatto. Poi, lo scorso 11 marzo, Chiamparino ha inviato al ministro dell’Interno una lettera per chiedere l’accorpamento che “permetterebbe di ottenere la necessaria garanzia di regolarità e nel contempo di conseguire un significativo risparmio economico”.

Oggi da Roma è arrivata la bocciatura della proposta, una bocciatura che secondo Chiamparino è priva di “riferimenti normativi precisi”: “Ritengo che semplicemente non si sia voluta esprimere la volontà politica di far pronunciare i cittadini, trovando le modalità tecniche per farlo senza costi aggiuntivi per la comunità”. A stretto giro Salvini ha risposto a distanza: “Chiamparino non capisce o fa finta di non capire. Il referendum sul Tav non posso convocarlo, ma andrei a votare domani mattina. La responsabilità è della Regione. Sono Chiamparino, il Pd e la sinistra – che da anni governano la Regione – a non averlo reso possibile”. Parole alle quali ha ribattuto lo stesso Chiamparino: “Lo informo di aver capito benissimo. Avevo annunciato di voler tenere una consultazione popolare, prevista dal nostro Statuto e che non ha bisogno di alcuna legge attuativa per essere convocata. Gli avevo chiesto di autorizzarla in concomitanza con le elezioni, e questo è stato da lui negato”. Per il presidente piemontese “non c’è norma regionale che lo impedisca, quelle nazionali non sono precisate, ma tant’è. Le parole stanno a zero, i cittadini fanno paura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, la proposta del nuovo corso firmata dal tesoriere Zanda: più soldi agli eletti. Patuanelli: “Zingaretti, sei d’accordo?”

next
Articolo Successivo

Decretone, via libera del Senato: 150 sì. Reddito e quota 100 diventano legge. Schede – Cosa prevede il testo definitivo

next