Entro il 2023 l’economia verde sarà in grado di creare mezzo milione di posti di lavoro. Anzi, già oggi vale il 2,4 per cento del Prodotto interno lordo. A sostenerlo è un focus di Censis e Confcooperative (“Smart&green, l’economia che genera futuro”). Nel rapporto “il green” viene definito “il nuovo eldorado dell’occupazione italiana”. I dati raccontano di come, “da oggi al 2023, ogni cinque nuovi posti di lavoro creati dalle imprese attive in Italia uno sarà generato da aziende eco-sostenibili; oltre il 50 per cento in più di quelli del digitale (che non riuscirà ad andare oltre 214mila nuovi occupati), e il 30 per cento in più di quelli prodotti dalla tutte le imprese della filiera salute e benessere (che si attesterà a 324mila assunzioni).

L’occupazione in ambito eco-sostenibile – tenendo conto delle stime di crescita del Pil italiano elaborate dal Fondo monetario internazionale, e delle previsioni del Sistema informativo excelsior (cioè di un fabbisogno, tra il 2019 e il 2023, di nuovi posti di lavoro pari a 2 milioni e 542 mila) – coprirebbe una quota del 18,9 per cento del totale fino al 2023. In termini assoluti, “il volume di lavoro con questo profilo di competenze sarebbe pari a 481mila unità, poco meno di 100mila all’anno”.

La transizione verso un’economia pulita – viene spiegato – “sta determinando una modifica strutturale all’interno dell’occupazione nei Paesi avanzati e in quelli emergenti. Il bisogno di competenze green e l’adozione di tecnologie nuove nel campo della sostenibilità stanno accompagnando la generale riconversione dei modi di produrre e l’orientamento della crescita economica a livello globale”. “Nel 2017 – osserva Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative – la stima economica degli effetti disastrosi di eventi collegati al cambiamento climatico ha raggiunto i 290 miliardi di euro. Evitare tali costi, potrebbe incrementare, entro il 2050 il Pil dei Paesi G20 del 4,7 per cento netto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fonti fossili, emissioni e costi in bolletta: la spesa dello Stato tra trivelle e esenzioni. ‘Eliminabili 14 miliardi di sussidi su 19’

prev
Articolo Successivo

Il governo promette di difendere il clima ma poi sta con le fonti fossili. E così tradisce gli studenti

next