Il sindaco di Cariati, Filomena Greco, eletta con una lista civica, è stata posta agli arresti domiciliari insieme ad altre tre persone nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Castrovillari. Un provvedimento di obbligo di presentazione alla pg è stato notificato dalla Guardia di finanza di Cosenza al vicesindaco Sergio Salvati. Le accuse sono corruzione, abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e abusivismo. Tra gli arrestati c’è anche il fratello del sindaco, l’imprenditore Saverio Greco. L’operazione, denominata “Platone”, è stata portata a termine dai finanzieri del comando provinciale di Cosenza, coordinati dalla Procura di Castrovillari. I provvedimenti cautelari, oltre che al sindaco ed al fratello, sono stati notificati al responsabile dell’area tecnica del Comune Giuseppe Fanigliulo, e ad un altro imprenditore, Cristoforo Arcovio.

Le indagini, dirette dal pm Luca Primicerio e collegate ad una precedente inchiesta sull’appalto per la gestione dei rifiuti del comune del cosentino, avrebbero consentito di rilevare l’indebito rilascio da parte del dirigente dell’Area tecnica di un permesso di costruire in sanatoria a favore di un gruppo imprenditoriale, di cui fa parte il fratello del sindaco, per la ristrutturazione e l’adeguamento di un immobile da adibire a clinica medica privata. Il dirigente, già nominato fiduciariamente dal sindaco a tempo determinato e in scadenza di incarico, era stato prorogato nelle sue mansioni allo scopo, per l’accusa, di agevolare il procedimento amministrativo di rilascio del permesso di costruire.

La proroga della nomina, arrivata a 5 giorni dalla definitiva decadenza del sindaco a causa di una conclamata crisi politica – a Cariati si sono poi svolte le elezioni e Filomena Greco è stata rieletta – avrebbe consentito a Fanigliulo di attivare in maniera discrezionale il procedimento amministrativo. Contemporaneamente, in assoluta incompatibilità con la funzione pubblica ricoperta, secondo i magistrati il dirigente prorogato avrebbe curato l’iter progettuale dell’opera redigendo gli elaborati tecnici presentati per ottenere i nulla osta per la realizzazione della struttura. Alla fine del procedimento il dirigente avrebbe omesso di effettuare i controlli necessari.

Tali condotte avrebbero permesso il rilascio alla società, nel medesimo giorno e a poche ore dalla decadenza del sindaco, delle autorizzazioni necessarie per l’edificazione e la gestione della clinica privata. Infine, nell’ambito dell’indagine originaria, sarebbero state constatate ulteriori collusioni tra il dirigente dell’Area tecnica ed il responsabile di fatto di una società, che per l’accusa erano finalizzate alla turbativa dell’appalto dei rifiuti, concretizzatesi nell’adozione di un provvedimento illegittimo, successivamente annullato dal Tar, con cui è stata esclusa l’offerta della prima classificata, in quanto ritenuta anomala, con conseguente aggiudicazione definitiva dell’appalto all’impresa seconda classificata, già assegnataria di affidamenti diretti ritenuti illegali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cucchi, il pm: “Dai testi atteggiamento reticente e scarsa collaborazione”. Il colonnello (indagato) non risponde

prev
Articolo Successivo

Casinò Saint Vincent, maxi condanna per l’ex amministratore: quattro anni e 120 milioni di euro di risarcimento

next