In casa dem la tregua post primarie è già terminata. Dopo gli attacchi seguiti alla sconfitta in Basilicata da parte della minoranza renziana di Giachetti e Ascani, in Direzione dem lo scontro si è spostato sul nodo alleanze. E sulla possibile intesa, in vista di amministrative ed Europee, con i bersaniani ex Pd poi passati in Mdp-Articolo Uno. “Non si tratta di ricomposizioni ma di trovare una nuova dimensione perché non si perda nemmeno un voto. Questa è una posizione, con alcune astensioni, che il partito ha condiviso in maniera unitaria”, ha rivendicato Nicola Zingaretti, al termine della Direzione dem. Ma le sue parole non hanno convinto la minoranza renziana più oltranzista, che ha deciso di astenersi. “Il segretario non ha riposto, è stato vago su Mdp. Vedremo come saranno composte le liste”, ha attaccato Anna Ascani. Come lei, pure Ivan Scalfarotto, che con Ettore Rosato lavora ai comitati civici renziani lanciati all’ultima Leopolda: “Alleanza con Mdp? Se è un modo surrettizio per farli rientrare, è uguale. Il punto resta sempre lo stesso”. Più dialogante l’area di Maurizio Martina: “Da noi nessun veto su possibili alleanze”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ramy, Matteo Salvini cambia di nuovo idea: “Sì alla cittadinanza per il 13enne, ha capito i valori di questo Paese”

prev
Articolo Successivo

Bersani: “Salvini? Un giaguarino, Berlusconi era un giaguaro. Renzi? Faceva il Blair quando Blair era di 20 anni prima”

next