Il Tribunale dei ministri di Catania, a quanto si apprende, ha disposto l’archiviazione degli atti relativi ad ipotesi di responsabilità penali in merito al caso Diciotti nei confronti del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del vice Luigi Di Maio e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli. Il Collegio per i reati ministeriali ha quindi accolto la richiesta di archiviazione arrivata alla fine di febbraio dalla Procura di Catania.

Come noto, ieri il Senato ha respinto la richiesta dello stesso tribunale a processare il ministro degli Interni Matteo Salvini che i giudici accusavano di sequestro di persona nei confronti dei 137 migranti salvati nel Mediterraneo che erano stati lasciati per diversi giorni a bordo della nave della Marina militare, al largo del porto di Catania. Conte, Di Maio e Toninelli avevano deciso dunque di “autodenunciarsi” di fronte al tribunale per assumere la corresponsabilità delle decisioni di Salvini.

Il provvedimento di archiviazione, depositato nei giorni scorsi e notificato ai tre indagati, che accoglie la richiesta del procuratore Carmelo Zuccaro, è definitivo perché non è impugnabile. Il collegio è lo stesso che aveva chiesto l’autorizzazione a procedere per il ministro dell’Interno. Sul ritardo di 5 giorni nello sbarco di 177 migranti dalla nave Diciotti nell’agosto 2018 a Catania il procuratore Zuccaro aveva chiesto l’archiviazione dell’inchiesta su Salvini per sequestro di persona aggravato ritenendo che il ministro fosse “giustificato dalla scelta politica, non sindacabile dal giudice penale”. Tesi non condivisa dal Tribunale per i ministri ritenendo invece che avesse “abusato dei suoi poteri” tenendo i migranti sulla Diciotti per motivi “meramente politici“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trapani, il giro di favori dietro l’associazione segreta: pacchetti di voti in cambio di false pensioni di invalidità

prev
Articolo Successivo

Dj Fabo, Lattanzi: “Consulta non sempre ascoltata dal Parlamento: non perda l’occasione di fare la legge sul fine vita”

next