“Aveva lanciato gasolio ovunque. Avevano tutti paura. Lui ci minacciava, ci diceva che dovevamo stare zitti e che ci avrebbe legati“. È il racconto di uno degli studenti che viaggiava sul bus guidato da Ousseynou Sy. L’uomo, 47 anni, senegalese, ha sequestrato i ragazzi e ha dato fuoco al mezzo. “Diceva che le sue figlie erano morte in mare e che la colpa era del governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bus in fiamme a Milano, “Ci ha legati e diceva che se ci muovevamo, versava benzina e dava fuoco”: le testimonianze

next