“Aveva lanciato gasolio ovunque. Avevano tutti paura. Lui ci minacciava, ci diceva che dovevamo stare zitti e che ci avrebbe legati“. È il racconto di uno degli studenti che viaggiava sul bus guidato da Ousseynou Sy. L’uomo, 47 anni, senegalese, ha sequestrato i ragazzi e ha dato fuoco al mezzo. “Diceva che le sue figlie erano morte in mare e che la colpa era del governo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bus in fiamme a Milano, “Ci ha legati e diceva che se ci muovevamo, versava benzina e dava fuoco”: le testimonianze

next