“Aveva lanciato gasolio ovunque. Avevano tutti paura. Lui ci minacciava, ci diceva che dovevamo stare zitti e che ci avrebbe legati“. È il racconto di uno degli studenti che viaggiava sul bus guidato da Ousseynou Sy. L’uomo, 47 anni, senegalese, ha sequestrato i ragazzi e ha dato fuoco al mezzo. “Diceva che le sue figlie erano morte in mare e che la colpa era del governo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bus in fiamme a Milano, “Ci ha legati e diceva che se ci muovevamo, versava benzina e dava fuoco”: le testimonianze

prev
Articolo Successivo

Milano, il padre di uno studente: “Mi ha telefonato, sentivo le urla sul bus. Mi ha detto che lo stavano portando via”

next