La Finlandia vince per il secondo anno consecutivo il “mondiale” della felicità. Questo è quanto emerge dalla settima edizione del World Happines Report  che ha emanato l’annuale classifica dei 156 paesi valutati in base alla felicità dei cittadini. Nella graduatoria messa a punto da Jeffrey Sachs, John Halliwell e Richard Layard con il supporto di diversi ricercatori indipendenti hanno influito prosperità economica, aspettativa di vita, stato del welfare e libertà individuale. L’Italia occupa il 36esimo posto, in risalita rispetto al 47esimo di un anno fa e al 48esimo del precedente. L’ultima classificata? Dopo Repubblica Centrafricana Burundi quest’anno la maglia nera è il sud Sudan.

Dietro la Finlandia  si posizionano Danimarca, Norvegia, Islanda, Olanda, Svizzera, Svezia, Nuova Zelanda, Canada e Austria. I paesi che hanno guadagnato posizioni sono di più rispetto a quelli che ne hanno perse, nota il rapporto; da ciò si deduce tuttavia che alcuni paesi hanno perso molte posizioni in graduatoria. Per esempio, il Venezuela e la Siria hanno perso quasi  due punti rispetto al medesimo rapporto riferito al 2005-08.

Anche l’Italia non è in una condizione migliore. Nella classifica che valuta le differenze tra i rapporti del 2005-08 e quello del 2016-18, il Belpaese è infatti 114esimo con una perdita di 0.512 punti rispetto ai livelli pre-crisi. Una nota degli autori spiega inoltre che il livello di felicità è calato negli ultimi anni soprattutto in Asia e Africa ma di recente anche altrove, anche negli Stati Uniti..

Il Report si concentra sulla relazione tra felicità e comunità. Ma uno dei capitoli certifica anche la generosità, la partecipazione ad Internet e alla società come ha spiegato John Helliwell, co-autore del rapporto: “L’interazione ha degli effetti profondi sulla felicità del mondo”. Ha inoltre comunicato che “inizialmente i lettori consultavano principalmente la classifica dei Paesi; ora invece cercano come utilizzare le ricerche per una reale proposta di miglioramento”.  Andrea Illy – presidente di Illycaffé coproduttrice del progetto e membro del Cda della Fondazione dedicata al padre Ernesto – ha commentato: “Viviamo un momento di transizione verso una nuova era e questo genera un senso di incertezza“. Parole chiare dal direttore del Sustainable Development Solutions  Network, produttore del progetto: “L’uso compulsivo di sostanze e comportamenti di dipendenza stanno causando grave infelicità. I governi, le comunità e le aziende dovrebbero utilizzare questi indicatori per mettere in pratica nuove politiche finalizzate a superare queste fonti di infelicità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Jugoslavia, Radovan Karadzic condannato all’ergastolo per il genocidio di Srebrenica e crimini contro umanità

next