La Finlandia vince per il secondo anno consecutivo il “mondiale” della felicità. Questo è quanto emerge dalla settima edizione del World Happines Report  che ha emanato l’annuale classifica dei 156 paesi valutati in base alla felicità dei cittadini. Nella graduatoria messa a punto da Jeffrey Sachs, John Halliwell e Richard Layard con il supporto di diversi ricercatori indipendenti hanno influito prosperità economica, aspettativa di vita, stato del welfare e libertà individuale. L’Italia occupa il 36esimo posto, in risalita rispetto al 47esimo di un anno fa e al 48esimo del precedente. L’ultima classificata? Dopo Repubblica Centrafricana Burundi quest’anno la maglia nera è il sud Sudan.

Dietro la Finlandia  si posizionano Danimarca, Norvegia, Islanda, Olanda, Svizzera, Svezia, Nuova Zelanda, Canada e Austria. I paesi che hanno guadagnato posizioni sono di più rispetto a quelli che ne hanno perse, nota il rapporto; da ciò si deduce tuttavia che alcuni paesi hanno perso molte posizioni in graduatoria. Per esempio, il Venezuela e la Siria hanno perso quasi  due punti rispetto al medesimo rapporto riferito al 2005-08.

Anche l’Italia non è in una condizione migliore. Nella classifica che valuta le differenze tra i rapporti del 2005-08 e quello del 2016-18, il Belpaese è infatti 114esimo con una perdita di 0.512 punti rispetto ai livelli pre-crisi. Una nota degli autori spiega inoltre che il livello di felicità è calato negli ultimi anni soprattutto in Asia e Africa ma di recente anche altrove, anche negli Stati Uniti..

Il Report si concentra sulla relazione tra felicità e comunità. Ma uno dei capitoli certifica anche la generosità, la partecipazione ad Internet e alla società come ha spiegato John Helliwell, co-autore del rapporto: “L’interazione ha degli effetti profondi sulla felicità del mondo”. Ha inoltre comunicato che “inizialmente i lettori consultavano principalmente la classifica dei Paesi; ora invece cercano come utilizzare le ricerche per una reale proposta di miglioramento”.  Andrea Illy – presidente di Illycaffé coproduttrice del progetto e membro del Cda della Fondazione dedicata al padre Ernesto – ha commentato: “Viviamo un momento di transizione verso una nuova era e questo genera un senso di incertezza“. Parole chiare dal direttore del Sustainable Development Solutions  Network, produttore del progetto: “L’uso compulsivo di sostanze e comportamenti di dipendenza stanno causando grave infelicità. I governi, le comunità e le aziende dovrebbero utilizzare questi indicatori per mettere in pratica nuove politiche finalizzate a superare queste fonti di infelicità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Jugoslavia, Radovan Karadzic condannato all’ergastolo per il genocidio di Srebrenica e crimini contro umanità

prev
Articolo Successivo

Israele, lo spot elettorale della ministra della giustizia che si spruzza il profumo ‘Fascism’: “Per me odora di democrazia”

next