Il criminale di guerra Radovan Karadzic ha ascoltato imperturbabile la sentenza di appello con la quale i giudici del tribunale dell’Aja lo hanno condannato definitivamente all’ergastolo. La Corte delle Nazioni Unite sulla ex Jugoslavia si è pronunciata sul ricorso in appello presentato dell’ex leader politico dei serbi di Bosnia Erzegovina contro la condanna a 40 anni stabilita in primo grado. L’Aja ha confermato le accuse a Karadzic per il genocidio di Srebrenica, l’assedio e i bombardamenti su Sarajevo, i crimini e le atrocità compiute negli anni della guerra in Bosnia (1992-1995), ma ha ribadito, come nella sentenza di primo grado, che l’ex leader politico dei serbi di Bosnia non è responsabile di “genocidio” in altri sette Comuni bosniaci.

In appello erano ricorsi tanto Karadzic quanto la procura, che ha ottenuto quindi la condanna più severa, all’ergastolo, che richiedeva. Il 73enne ex leader della Republika Srpska, fuggito dopo la guerra ed arrestato nel 2008 a Belgrado, dove si nascondeva sotto il nome di Dragan Dabic praticando una medicina alternativa, è stato condannato per l’assedio di Sarajevo – bombardata e presa di mira dai cecchini negli anni delle devastazioni in Bosnia Erzegovina, tra il 1992 e il 1995 – per crimini di guerra e crimini contro l’umanità compiuti nelle aree sotto il suo controllo politico. In particolare per i fatti di Srebrenica, dove circa 8mila uomini e ragazzi bosniaci furono usccisi nell’enclave della Bosnia orientale l’11 luglio 1995, la peggiore atrocità compiuta in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Le madri di Srebrenica, che a Potocari, il cimitero-memoriale alle porte della cittadina martire, hanno seguito il pronunciamento della sentenza dei giudici dell’Aja, hanno salutato con soddisfazione e grande emozione la condanna all’ergastolo di Karadzic: sono uscite per strada e si sono abbracciate con le lacrime agli occhi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kazakistan, le sfide del post Nazarbayev: i rapporti con la Russia e la collaborazione con la Nuova Via della Seta cinese

prev
Articolo Successivo

Felicità, la nuova classifica: la Finlandia è in testa. Italia al 36esimo posto, risale di nove posizioni in un anno

next