Da una parte c’è un artista salentino e dall’altra un colosso mondiale dell’e-commerce. L’oggetto della contesa è il mosaico di una Madonna con una colomba in mano e centinaia di fiori colorati attorno. L’ha realizzato Giovanni Ria, lo custodisce a Gemini, frazione del comune di Ugento, in provincia di Lecce e aveva caricato il prototipo digitale in alta definizione sul proprio sito internet. Così, con un semplice click sul tasto destro e un download, che questa storia arriva in Germania negli uffici della multinazionale dell’abbigliamento Bonprix, si trasferisce in Turchia, torna in Puglia e risale fino a Biella. Dove giovedì mattina, a quasi quattro anni dalla prima querela presentata dall’artista leccese, il gip del tribunale piemontese ha convocato un’udienza camerale con le parti per poi decidere se le indagini devono andare avanti oppure se la richiesta di archiviazione presentata dalla pm Mariateresa Iozzo merita di essere accolta. È la prossima schermaglia di una storia che ricorda la lotta del mugnaio contro l’imperatore narrata da Bertold Brecht.

La Madonna sui vestiti venduti in tutto il mondo – Perché – e su questo sembrano esserci pochi dubbi anche da parte della procura – la Madonna della Pace realizzata da Ria è finita su magliette e vestitini della collezione Rainbow 2015 del colosso mondiale dell’e-commerce, che vanta 35 milioni di clienti in 30 Paesi e un fatturato dichiarato in Italia nel 2017 che si aggirava attorno ai 200 milioni di euro. Senza che l’artista ne sapesse nulla né abbia mai ricevuto una proposta per lo sfruttamento dei diritti d’autore da parte dell’azienda. Però, ha sostenuto già due volte il sostituto procuratore di Lecce Emilio Arnesano, prima di essere disarcionato da una pruriginosa inchiesta, non c’è modo di procedere nei confronti dell’unico indagato in questa vicenda, Stefano Rama, procuratore italiano di Bonprix. Il gip del tribunale salentino gli ha dato torto in entrambi i casi ordinando di proseguire con gli accertamenti prima che il fascicolo venisse trasferito per competenza territoriale a Biella.

La pm: “Rogatorie complesse e onerose” – E anche qui l’accusa è arrivata alla stessa conclusione: Rama, sostanzialmente, era un mero esecutore degli ordini che arrivavano dalla casa-madre tedesca. Insomma, è lì, semmai, che andrebbero ricercati i responsabili del ‘furto’ dell’immagine finita su t-shirt e vestiti venduti sia in 13 negozi al dettaglio nel nord Italia che in tutto il mondo, tramite i portali di Bonprix. Ma per la pm Iozzo “non pare opportuno dare corso all’onerosa e complessa attività d’indagine rogatoriale suggerita” dalla polizia giudiziaria. Anche perché, stando a quanto sostenuto dall’indagato, sarebbero stati venduti appena 24 capi con l’effigie sacra realizzata da Ria.

“Inaccettabile in uno stato di diritto” – “Tutto sbagliato”, secondo Massimiliano Gabrielli, avvocato dell’artista salentino. Nell’opposizione alla richiesta di chiuderla qui avanzata dall’accusa, il legale descrive una storia assai diversa e denuncia l’inerzia della procura di fronte a una vendita che Bonprix ha proseguito sia su canali propri all’estero nei mesi successivi alla prima denuncia di Ria che piazzando – e qui l’accusa si fa più grave – gli stock di vestiti e t-shirt ad altri portali e-commerce senza l’etichetta Bonprix. Innanzitutto, attacca l’avvocato di Ria, la procura di Biella “non risulta aver svolto alcun tipo di attività di indagine suppletiva, limitandosi a formulare ennesima richiesta di archiviazione del fascicolo” poiché Rama avrebbe solo commercializzato i capi d’abbigliamento oggetto del presunto reato prodotti in Turchia e forniti dalla casa madre Bonprix Mbh di Amburgo. “Non appare condivisibile né accettabile in uno stato di diritto disporre (…) l’archiviazione a fronte non tanto della mancata individuazione, ma della totalmente inesplorata eppure possibile individuazione degli altri corresponsabili (…) – dice Gabrielli – sulla semplice considerazione che le relative indagini rogatoriali sarebbero inopportune in quanto onerose e complesse, come se l’obbligatorietà dell’azione penale e l’accertamento della verità potessero dipendere dalla analisi dei costi per la giustizia italiana”.

La vendita dopo la querela – E al di là delle questioni giurisprudenziali, sostiene l’avvocato dell’artista, l’immagine delle modelle con i capi al centro della contesa sono “rimasti sul sito italiano anche dopo lo stop alle vendite” a “scopo promozionale” e, oltretutto, Bonprix Italia “gestisce anche il mercato austriaco e il sito e-commerce con dominio austriaco” dove la vendita dei capi “incriminati” è “proseguita ben oltre” la ricezione della diffida inviata da Ria nel marzo 2015, come dimostrerebbero gli atti della querela presentata due mesi dopo. Ma la questione, secondo Gabrielli, è ancora più complessa e scivolosa: “Non è dato sapere né è stato oggetto di accertamento investigativo se la vendita al dettaglio” sia stata sospesa “ma soprattutto quanti capi di abbigliamento siano stati “resi” e soprattutto se effettivamente ciò sia avvenuto a favore della casa madre, basandosi nuovamente, tale informazione, solo ed esclusivamente sulla dichiarazione” dell’indagato.

La rivendita su altri siti: “È ricettazione” – Più semplicemente, sostiene il legale di Ria, la commercializzazione dei vestiti con la Madonna della Pace sarebbe stata trasferita dalla Bonprix Italia “ad altri canali di vendita non direttamente riconducibili alla Otto Group”, alla quale appartiene la casa madre tedesca. In sostanza, l’azienda non avrebbe distrutto i vestiti ma li avrebbe “ricollocati su diversi canali di vendita estera meno visibili, fino ad esaurimento scorte”. Infatti, nell’ottobre 2016, attraverso una ricerca in Rete, sono stati trovati “oltre 60 siti web di e-commerce nel mondo” dove i prodotti erano ancora disponibili. Tradotto: “Una deliberata e struttura attività di ricettazione – sostiene Gabrielli – dei capi di abbigliamento”, ottenuti con il plagio della Madonna della Pace. Alcuni, come dimostrato nella opposizione, sono stati comprati dai parenti dell’artista salentino fino al gennaio 2018, a quasi tre anni di distanza dall’inizio della vicenda, in una delle tante battaglie tattiche di questa guerra brechtiana contro il gigante dell’e-commerce che appare senza via d’uscita. “Salvo che non ci sia un giudice a Biella”, invoca Gabrielli.