La città costiera e la provincia di Beira in Mozambico sono state devastate dal passaggio del ciclone tropicale Idai, che ha provocato alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe.  ”Più di 900 mila persone in Malawi e 600 mila in Mozambico sono state coinvolte dalle inondazioni” sostiene il Pam, il Programma alimentare mondiale.Le forti piogge hannoprovocato decine di morti e decine di migliaia di sfollati. Case, strade, porti e colture sono stati distrutti dalla furia delle acque e i governi del Malawi e del Mozambico hanno dichiarato lo stato di emergenza e chiesto l’aiuto internazionale.

A quanto riferisce la Croce Rossa, il 90% della città mozambicana di Beira è stato distrutto dal ciclone Idai. “La situazione è terribile. L’entità della devastazione è enorme. Sembra che il 90% dell’area sia completamente distrutto”, ha detto Jamie LeSueur, capo regionale della Federazione Internazionale della Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa. Il ciclone, che ha colpito anche Zimbabwe e Malawi, ha causato almeno 200 morti in quest’area dell’Africa australe. Il ciclone ha colpito Beira venerdì, con venti fino a 160 chilometri orari, ma solo ieri i primi soccorritori della Croce Rossa sono arrivati in questa che è la seconda città del Mozambico, situata al centro del paese, sulla costa dell’Oceano Indiano. La città, con 500mila abitanti, è senza corrente elettrica da giovedì. “Quasi tutto è stato distrutto. Le linee di comunicazione sono interrotte e le strade sono distrutte. Alcune comunità colpite non sono accessibili – ha detto LeSueur – Beira è stata gravemente colpita. Ma abbiamo sentito che la situazione fuori città potrebbe essere peggiore. Ieri una grande diga è crollata e ha interrotto l’ultima strada che portava in città”. Arrivati via terra da Maputo, la capitale, i soccorritori hanno fatto l’ultima parte del viaggio in elicottero. Secondo il presidente del Mozambico, Filipe Nyusi, le vittime causate dal passaggio di Idai “potrebbero essere più di mille

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Utrecht, tre morti e cinque feriti. Diffusi nome e foto di sospettato in fuga: indaga antiterrorismo. Premier: ‘Mai intolleranti’

next
Articolo Successivo

Gilet gialli, dopo le violenze il premier Philippe rimuove prefetto di Parigi: “Stop manifestazioni sugli Champs-Elysées”

next