“Italiani, guardatevi nello specchio e domandatevi: ‘Sono un coglione o una persona intelligente‘. Risposta: ‘Sei un coglione’“. A dirlo è il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi durante la sua visita a Metaponto, in vista delle prossime elezioni regionali in Basilicata. L’ex cavaliere si riferiva al fatto che “ancora un italiano su due ha fiducia in questo governo: sono numeri – ha aggiunto – che mi fanno ‘andare di testa’”. In perenne campagna elettorale da quando ha annunciato la sua candidatura alle Europee, Berlusconi non è nuovo a uscite contro chi sostiene l’esecutivo gialloverde e in particolare i Cinquestelle. Questa volta però è arrivate la risposta direttamente di Beppe Grillo: “Le parole gli scappano come peti, i pensieri sono rivolti al suo caleidoscopio e tamarro universo immaginario”, si legge in un post su Facebook del garante M5s dal titolo “Peti d’autore“.

Berlusconi si trovava vicino alla Basilicata, in Molise e più precisamente a Casacalenda, quando nell’aprile dell’anno scorso disse che i Cinquestelle “a Mediaset li prenderei per pulire i cessi. In un anno gli sfottò agli avversari politici si sono trasformati in insulti a chi li ha votati. “Gli italiani sono fuori di testa. Mi votano solo 5/6 su 100 e hanno dato in mano il Paese a Luigi Di Maio”, diceva Berlusconi ospite da Barbara D’Urso il 12 febbraio scorso. Il giorno dopo su Rete 4 ripeteva lo stesso teatrino dicendo: “Italiani, siete una vergogna. Ma come si fa a ragionare così?”. Frasi da parte di colui che si considera “sacerdote della democrazia” – così ha dichiarato durante la campagna elettorale in Abruzzo – poi culminate oggi nell’uso dell’appellativo “coglione”.

Questa volta a difesa del governo e dei suoi elettori è intervenuto però direttamente Beppe Grillo: “Finalmente qualcosa ha slatentizzato lo psiconano, la frase ‘sono numeri che mi fanno andare di testa’ confessa implicitamente il tentativo di usare la bile come biocarburante elettorale”, commenta il garante M5s. “Come sempre originale, lo psiconano è sincero e trasparente solo durante i primi, impavidi, avvii della campagna elettorale – si legge ancora nel suo post – Un punto di riferimento unico per gli studiosi della ‘maleducazione da disinibizione‘. Le parole gli scappano come peti, i pensieri sono rivolti al suo caleidoscopio e tamarro universo immaginario”. “Il vecchio puffo senza contegno e senza misura”, conclude Grillo.

Video di Agenzia Vista

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vaccini, Fedriga ha avuto la varicella: “Gli invasati fan di Burioni festeggiano, ma io non sono ‘no vax’. Sono contro l’obbligo”

prev
Articolo Successivo

Lombardia, l’ufficio stampa del Pirellone (con quattro redattori) assume due vicedirettori. E uno è un politico leghista

next