“E’ gente che non ha mai fatto nulla nella vita: nella mia azienda li prenderei per pulire i cessi“. Silvio Berlusconi, dopo lo scontro a distanza con Matteo Salvini, torna ad attaccare il Movimento 5 stelle. E lo fa con le parole più dure mai usate fino a questo momento. In un comizio a Casacalenda, seconda tappa del suo giro in Molise in vista delle elezioni regionali, non solo se la prende con “il partito dei disoccupati“, ma arriva a dire che li avrebbe assunti per pulire i bagni di Mediaset. Lo scontro è frontale, perché il senatore M5s Nicola Morra risponde così: “Meglio vivere onestamente, magari grazie al ‘pulire i cessi’, piuttosto che accordarsi con la #Mafia. Capito, Silvio?”. A replicare in tono provocatorio anche il consigliere comunale di Bologna e membro dell’associazione Rousseau Massimo Bugani che, su Facebook, ha postato la foto di se stesso che pulisce i bagni con la scritta: “Respect per chi pulisce i cessi e ci consente di vivere in un mondo pulito”.

Rivolgendosi al capo politico dei 5 stelle l’ex Cavaliere commenta: “Di Maio ha una buona parlantina, non posso negarlo, ma non ha mai combinato niente di buono per sé, per la sua famiglia, per il Paese. Non possiamo affidare l’Italia a gente come lui”. Non sono nuovi gli insulti di Berlusconi contro i 5 stelle. La tensione però si è acuita nelle ultime settimane a causa del veto M5s sull’ex Cavaliere. Le trattative in vista della formazione di un esecutivo infatti, si sono arenate sul No dei grillini a Silvio Berlusconi e sulla decisione, ribadita fino a questo momento, della Lega di non mollare gli alleati della coalizione. Circa 10 giorni fa l’ex deputato M5s Alessandro Di Battista aveva definito il leader di Forza Italia “il male assoluto”. Parole condannate dai parlamentari azzurri che avevano chiesto una presa di distanza del Movimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Berlusconi bombarda centrodestra e trattative di governo: “Il M5s è un pericolo come i comunisti. Intesa col Pd”

prev
Articolo Successivo

Lucca, una risposta all’Amaca classista di Michele Serra

next