Milioni di giovani in tutto il mondo sono scesi in piazza per aderire al Global Strike For Future, lo sciopero globale degli studenti per il clima promosso da Greta Thunberg, la ragazza svedese di 16 anni diventata un simbolo della lotta ai cambiamenti climatici. Da Washington a Mosca, da Sidney a Seoul, da Beirut a Gerusalemme, da Shanghai a Mumbai cortei colorati si sono radunati davanti a parlamenti e municipi per chiedere ai governi di fare qualcosa di concreto per arginare i cambiamenti climatici prima che sia troppo tarsi. Tantissimi i cartelli e gli striscioni che esortano i politici a “spaventarsi”, avvertendo che “non vi è un pianeta B”.Una adesione globale nata dall’esempio della giovanissima Greta, che per i suoi gesti a favore della battaglia ambientalista  è stata candidata al Nobel per la Pace.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Clima: dal petrolio alle risorse minerali, come cambia il mondo se si passa alle rinnovabili

prev
Articolo Successivo

Emergenza clima e ambiente, ne ‘Le tre ecologie’ la necessità di una ecosofia per superare la narrazione distorta dei media

next