Milioni di giovani in tutto il mondo sono scesi in piazza per aderire al Global Strike For Future, lo sciopero globale degli studenti per il clima promosso da Greta Thunberg, la ragazza svedese di 16 anni diventata un simbolo della lotta ai cambiamenti climatici. Da Washington a Mosca, da Sidney a Seoul, da Beirut a Gerusalemme, da Shanghai a Mumbai cortei colorati si sono radunati davanti a parlamenti e municipi per chiedere ai governi di fare qualcosa di concreto per arginare i cambiamenti climatici prima che sia troppo tarsi. Tantissimi i cartelli e gli striscioni che esortano i politici a “spaventarsi”, avvertendo che “non vi è un pianeta B”.Una adesione globale nata dall’esempio della giovanissima Greta, che per i suoi gesti a favore della battaglia ambientalista  è stata candidata al Nobel per la Pace.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima: dal petrolio alle risorse minerali, come cambia il mondo se si passa alle rinnovabili

next