Sulla Terra ci sono molte aree remote in cui non c’è connessione di rete, compresi gli oceani, alcuni poli di ricerca scientifica lontani dai centri abitati. Anche dove la connessione di solito c’è, in caso di disastri ambientali smette di funzionare, mentre sarebbe importantissima per individuare persone disperse e coordinare i soccorsi. Attualmente si rimedia con costosissime connessioni satellitari, inavvicinabili per le persone comuni. Presto potrebbero esserci novità grazie al lavoro di Lockheed Martin.

L’azienda statunitense sta lavorando alla cosiddetta LTE-over-satellite, una nuova tecnologia che prevede l’impiego di hotspot a terra e sui satelliti, che permettono di comunicare tramite il diffuso standard LTE, supportato nel mondo circa un terzo (35,7%) degli smartphone. In altre parole, l’LTE-over-satellite consentirebbe potenzialmente di tornare a disporre di servizi voce e di connettività con gli apparecchi esistenti. I ricevitori possono essere montati su veicoli, camion e anche navi, in modo da ristabilire le comunicazioni dove si sono verificati uragani, incendi, terremoti, alluvioni o eruzioni vulcaniche.

Immagine: Depositphotos

 

È uno dei primi progetti in tal senso, anche se al momento non è ancora operativo e la tempistica di implementazione non è stata comunicata. Tuttavia, è interessante perché in tante situazioni sarebbe il modo più efficace e semplice per collegare di nuovo alla rete i normali smartphone. Maria Demaree, vicepresidente e general manager di Mission Solutions presso Lockheed Martin Space, spiega che “quando un disastro colpisce, le reti di telefonia cellulare spesso smettono di funzionare, sia a causa dell’evento che del volume di traffico. È importante avere nuovi modi per connettere famiglie e primi soccorritori con le persone che altrimenti sarebbero tagliate fuori dai contatti”.

Stazione di Port Lockroy Antartico – Foto: Depositphotos

 

Senza per forza chiamare in causa le emergenze, questa tecnologia sarebbe di grande aiuto anche a pescatori, marinai, minatori e ricercatori, che potrebbero disporre di una soluzione per comunicare facile da usare e a basso costo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon ha assunto decine di economisti, è il segreto del suo successo?

prev
Articolo Successivo

L’app Google Pay da oggi memorizza anche le carte d’imbarco

next