Ha preparato un cartello con la scritta “Rubentus” e lo ha esposto sulle colombe pasquali Balocco dedicate al club bianconero: ora il commesso di un supermercato Conad di Oristano rischia il posto di lavoro. Come riporta il quotidiano L’Unione Sarda, il cartello che gioca con il nome della Juventus è stato rimosso quasi subito, ma in tanti lo hanno visto e fotografato.

“Abbiamo ricevuto tantissime segnalazioni per un cartello offensivo visto nel nostro punto vendita – si legge nella pagina Facebook del Conad Oristano Portanuova – Vogliamo rassicurarvi del fatto che quel cartello è stato esposto e subito rimosso, fatto da un collaboratore per fare una burla ai colleghi. Vi possiamo garantire che è esposto il cartello corretto e che il responsabile ne pagherà le conseguenze!”.

C’è chi l’ha presa ironicamente – racconta L’Unione Sarda – ma anche chi non ha apprezzato e ha inoltrato formalmente la protesta alla sede nazionale della Conad. Al commesso, spiega il direttore del supermercato Antonio Contu al quotidiano,”verrà fatta una contestazione, anche se l’ultima parola spetta sempre alla direzione nazionale dell’azienda. Il ragazzo, un bravo lavoratore, peraltro stabilizzato di recente dopo un tirocinio, ha chiesto immediatamente scusa. E’ evidente, come lui stesso ha spiegato, che ha commesso una sciocchezza durante il proprio lavoro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prato, la prof resta incinta del suo studente. Quel test del Dna fa male a tutti

next
Articolo Successivo

Pedofilia, il cardinale George Pell condannato a 6 anni: “Abusi umilianti”. Una macchia sul pontificato di Bergoglio

next