L’incidente è avvenuto alle ore 3 della notte tra sabato e domenica: uno studente 18enne di Varese in gita scolastica è caduto dal terzo piano di un albergo a Vigo di Fassa, in Trentino. L’adolescente si trova ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Santa Chiara di Trento. Sull’episodio indagano i carabinieri e l’ipotesi è che il ragazzo stesse tentando di calarsi dal balcone.

Il giovane è originario di Varese e residente in provincia, a Luino, sulla sponda orientale del Lago Maggiore dove, scrive VareseNews, frequenta il liceo Sereni: era in settimana bianca con altri studenti dello stesso istituto scolastico, come da trazione. Si trovava sul balcone della sua stanza d’albergo, l’hotel Dolomiti, quando è precipitato da circa 7 metri di altezza.

I carabinieri di Cavalese stanno sentendo le testimonianze dei compagni di scuola del giovane. Sono stati proprio i ragazzi che erano in stanza con il 18enne a dare l’allarme e far arrivare i militari, presenti sul posto alle 3.10. Lo studente ha riportato una serie di traumi, anche alla testa, stando al referto dei sanitari che lo hanno trasportato in elicottero al Santa Chiara di Trento, dove si trova in rianimazione. I carabinieri spiegano che al momento attendono il miglioramento delle condizioni dello studente per sentire anche la sua versione dei fatti.

La vicenda ricorda il caso di Domenico Maurantonio, lo studente padovano di 19 anni che il 10 maggio 2015 precipitò dal quinto piano dell’hotel Leonardo dove alloggiava insieme ai suoi compagni in gita a Milano per Expo. Nel maggio 2017 il gip Paolo Guidi archiviò l’inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti: per le indagini la caduta che lo uccise “fu un incidente“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incidente Ethiopian Airlines, l’aereo era nuovo: lo stesso modello di Boeing che si schiantò in Indonesia appena 5 mesi fa

prev
Articolo Successivo

Udine, esplosione in casa a Cervignano del Friuli: padre, madre e figlio di 6 anni feriti gravemente

next