“Quei fatti sono ancora attuali perché le persone che erano state attinte da quelle indagini sono ancora al potere”. A sottolinearlo è Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano riferendosi alle inchieste Why not e Poseidone, risalenti a 10 anni fa e portate avanti da Luigi de Magistris, all’epoca 40enne. In quel periodo il sindaco di Napoli era pm della Procura di Catanzaro e le sue indagini coinvolsero personaggi noti del panorama politico e istituzionale. Improvvisamente gli furono tolte e, a distanza di 10 anni, la Corte d’appello di Salerno ha decretato l’illegittimità di tale atto, accogliendo il ricorso di de Magistris. “Noi lo avevamo detto dieci anni fa ” aggiunge Travaglio. “Quelle inchieste mi sono state sottratte ingiustamente, oggi ne abbiamo avuto conferma – afferma de Magistris -. Hanno usato il tritolo istituzionale per fermarmi. Purtroppo, la verità su quelle vicende non si saprà mai. E quei personaggi girano ancora all’interno dello Stato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Divorzio, “niente assegno se la moglie non cerca un lavoro”: la decisione della giudice di Treviso

prev
Articolo Successivo

Paolo Ruggirello arrestato, considerare l’autismo come una benedizione è una porcheria

next