Bologna, Ferrara, Mantova e poi sui monti: Col di Tenda, Col di Lombardia e il santuario di Sant’Anna fino alla Francia e quindi l’arrivo in Spagna passando per il principato di Andorra. Parlando in perfetto italiano, sicuro di sé e senza concedersi emozioni, Norbert Feher, meglio conosciuto come Igor il russo, ha descritto in maniera dettagliata durante un’udienza del processo, in videoconferenza dalla Spagna, la sua fuga dall’Italia cominciata verso nella seconda metà di maggio 2017.

“Allora… per arrivare dal confine italiano-francese al confine francese-spagnolo ci ho messo 32 giorni… con la bici e con i mezzi. Mi sono fermato dappertutto, perché ho conoscenze”, ha spiegato davanti al pubblico ministero Marco Forte e alla corte che lo sta processando per gli omicidi del barista Davide Fabbri, a Riccardina di Budrio, e della guardia volontaria Valerio Verri.

Il tragitto della fuga è tracciato con un pennarello nero su una cartina sequestrata dalle autorità spagnole dopo il suo arresto. Igor, rispondendo al pm, lo conferma passo dopo passo: Bologna, Ferrara, Mantova, Cremona, Piacenza, Alessandria. Qui, ha puntualizzato, “ho comprato un computer portatile (anche questo sequestrato, ndr) da un conoscente italiano – dice – perché il mio s’è rotto durante la fuga”.

Poi ancora: Cuneo, il Col di Tenda e il Col di Lombardia e il santuario di Sant’Anna, dove passa il confine. Dopodiché attraversa la Francia: la località sciistica di Isola 2000, Nizza, Marsiglia, sempre utilizzando strade provinciali, fino ai Pirenei, per poi entrare nel territorio spagnolo del Principato di Andorra. Nei luoghi dove è stato fermato, dopo aver commesso gli omicidi di un contadino e di due agenti della Guardia Civil nel Sud dell’Aragona, Igor dice di essere rimasto “solo quattro giorni, ero in transito, perché avevo altri affari da fare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diffamazione, la Corte europea dei diritti umani condanna Italia per caso Sallusti

prev
Articolo Successivo

Berlusconi indagato per corruzione in atti giudiziari nell’inchiesta a Roma sulle sentenze pilotate del Consiglio di Stato

next