Nuovo scossone ai vertici del gruppo Sole 24 Ore. Dopo la richiesta di multa della Consob e la richiesta di rinvio a giudizio degli ex vertici, il consigliere di amministrazione di lungo corso Luigi Abete lascia il board della società editoriale con effetto immediato, ufficialmente perché non sarebbe più compatibile con l’incarico di presidente di Bnl. Secondo Lettera43, Abete ha rimesso il mandato nelle mani del presidente Edoardo Garrone perché in disaccordo con l’ipotesi di una azione di responsabilità contro la precedente gestione, chiesta ieri anche dai rappresentanti sindacali delle redazioni giornalistiche di Sole 24 Ore, Radiocor Plus e Radio 24.

La nota ufficiale, diffusa nella tarda serata di ieri, spiega che Abete ha deciso di lasciare in “concomitanza di una pluralità di funzioni di amministrazione in varie aziende che non sono più valutate temporalmente compatibili con la funzione di presidente della Bnl”. Il quotidiano online diretto da Paolo Madron parla al contrario di una discussione tra Abete e un consulente del gruppo che “aveva apertamente sostenuto la necessità di procedere”. Ieri i giornalisti avevano scritto che un’azione di responsabilità è “quanto mai urgente” perché “per la società, il rischio è quello di dovere pagare una sanzione pecuniaria a causa della disciplina sulla responsabilità amministrativa degli enti”. L’azione di responsabilità potrebbe essere deliberata al cda del 7 marzo.

Nei giorni scorsi, la procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex presidente Benito Benedini, l’ex amministratore delegato Donatella Treu e l’ex direttore responsabile, Roberto Napoletano. I reati contestati sono false comunicazioni sociali e aggiotaggio informativo. In precedenza, una richiesta di sanzioni amministrative era stata formulata a Consob da parte dell’Ufficio competente della stessa Commissione, con multa per l’azienda di 140mila euro, oltre all’obbligo di rispondere in solido per le sanzioni chieste per i suoi ex vertici in caso di incapienza. Secondo LaPresse, nei giorni scorsi sono stati auditi in Consob anche i sindaci del gruppo Sole 24 Ore. Dalla Commissione arriva solo un “no comment”, mentre una portavoce dell’azienda precisa che il regolatore non è tenuto a comunicare alla società un’azione di questo tipo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival del Giornalismo di Perugia, 300 eventi in programma dal 3 al 7 aprile. Tra gli ospiti Peter Gomez e Marco Travaglio

prev
Articolo Successivo

Gazzetta del Mezzogiorno non sarà più in edicola dal 3 marzo: sciopero ad oltranza dei giornalisti, senza stipendio da 4 mesi

next