Fece pipì davanti al gazebo elettorale di Fratelli d’Italia ma per il giudice non ha commesso atti osceni in luogo pubblico aggravati, bensì atti contrari alla pubblica decenza, reato depenalizzato e tutt’al più passibile di sanzione amministrativa. Lo ha deciso giovedì il gup di Milano Raffaella Mascarino, al termine del processo in abbreviato nei confronti di una donna di 42 anni, con qualche precedente, e un suo amico di 4 anni più vecchio e che aveva fatto ‘da palo’ nel tentativo di impedire che i supporter di FdI interrompessero la performance, in cui lei aveva anche alzato il dito medio, e facessero foto. Foto che invece sono state scattate e hanno fatto il giro del web.

I fatti risalgono al 27 gennaio del 2018 quando la donna si fermò proprio davanti al tavolo con la bandiera di Fratelli d’Italia a Milano, dove era in corso la campagna dell’attuale assessore regionale Riccardo De Corato e fece pipì davanti a tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tor Vergata, il rettore Giuseppe Novelli rinviato a giudizio: tentata concussione e istigazione alla corruzione

prev
Articolo Successivo

Processo Mose, anche i pentiti pagano: 2 anni all’ex presidente della Mantovani e all’ex segretaria di Galan Minutillo

next