Prevenzione e accessibilità ai test per l’Hiv e per le infezioni sessualmente trasmissibili non saranno più prerogative degli adulti. Presto anche i minori privi del consenso dei genitori potranno sottoporsi agli esami, anonimi e gratuiti per tutti. La proposta di nuove normative è stata avanzata dal ministro della Salute, Giulia Grillo, e oggi ha ricevuto il via libera dal Garante per l’Infanzia.

“Per rendere più semplice l’accesso alla diagnosi per i giovanissimi – ha dichiarato in una nota l’esponente del Movimento 5 stelle – è essenziale intercettare precocemente l’eventuale contagio da Hiv o da altre malattie sessualmente trasmesse. Per questo sono molto soddisfatta della positiva risposta dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza alla mia richiesta di lavorare insieme a una norma per superare questa regola ormai obsoleta”. Sempre più frequenti, infatti, i contagi, soprattutto da Hiv, in età precoce, ma le diagnosi sono spesso tardive. Complice, secondo Grillo, anche l’imbarazzo dei giovani a raccontare alcuni aspetti “della propria vita personale” ai genitori, “pur essendo sessualmente attivi”. “Il Ssn è di tutti i cittadini ed è compito del ministro della Salute e delle istituzioni rimuovere gli ostacoli alla prevenzione in ogni ambito della salute”, ha continuato la ministra, sottolineando che la conquista è solo “un punto di partenza” da cui potrà poi crescere e migliorare la “consapevolezza sui temi della prevenzione“.

Il dicastero di Via Ribotta però dovrà sottostare ad alcuni paletti imposti dal Garante. Tre le condizioni da rispettare evidenziate dalla Garante Filomena Albano. “La prima è che i test avvengano in un contesto protetto e dedicato nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. La seconda è che in caso di positività ai test i genitori o il tutore siano coinvolti al fine di garantire alla persona di minore età un adeguato supporto affettivo nella gestione della notizia e della terapia. Infine, è necessario promuovere capillarmente una cultura della prevenzione e l’educazione all’affettività e alle emozioni”, ha specificato il magistrato. L’Autorità, inoltre, si è resa disponibile a contribuire nella stesura di un eventuale disegno di legge in materia, come si legge in una nota.

Per prendere la decisione il Garante ha tenuto conto soprattutto del principio di “diritto alla salute”, che dovrebbe essere tutelato per qualsiasi fascia d’età, e anche di alcune normative già presenti. “La Convenzione di New York, ad esempio, stabilisce che gli stati assicurino il diritto dei minorenni ad accedere ai servizi sanitari al fine di tutelarne nel miglior modo possibile la salute”, ha ricordato la Albano. Il parere, poi, ha tenuto conto anche delle necessità espresse dalla Consulta dei ragazzi dell’Autorità garante che, appositamente interpellata, ha evidenziato l’esigenza di ricevere informazioni adeguate, a scuola, in altre sedi o con campagne ad hoc.

Positivo il commento del Gay Center che da anni chiede la possibilità per i minorenni di effettuare il test. “Ringraziamo la ministra Grillo per aver dato seguito ad una nostra richiesta che le abbiamo posto durante l’incontro avuto pochi giorni fa. Infatti, ad oggi è quasi impossibile per i minori avere accesso al test per Hiv e malattie sessualmente trasmissibili, senza il consenso dei genitori, comportando che molti minori non fanno le terapie necessarie mettendo a serio rischio la propria salute”, ha dichiarato in una nota il portavoce Fabrizio Marrazzo, responsabile anche del Gay Help Line. “In questi anni – ha aggiunto – abbiamo fatto molti incontri con medici e strutture sanitarie, per sensibilizzarli sul tema, anche perché molto spesso per i minori lesbiche, gay e trans, chiedere ai genitori di fare il test significa anche fare un coming out al quale non sono pronti o molto spesso può generare una reazione negativa o violenta da parte dei genitori, come testimoniano i miglia di contatti che ogni anno riceviamo al nostro servizio Gay Help Line “.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Per il piccolo Marco continua l’odissea. Dall’affido alla casa famiglia, in cerca di stabilità

prev
Articolo Successivo

Affido condiviso, appello opposizioni: “Ddl sia ritirato”. Lui: “Si può modificare. Ma chi si accanisce ha motivi superabili”

next