Bagarre, cadenzata da siparietti comici, a L’Aria che Tira (La7), con l’economista Giuliano Cazzola, che ribadisce la sua nota insofferenza per i 5 Stelle, rivelando: “Sono nonno, ma con il M5s al governo spero di morire presto“.
L’ex deputato del Pdl, che mostra fieramente sulla sua giacca una spilla con la bandiera francese, si rende protagonista di un battibecco con l’economista Antonio Maria Rinaldi e di uno scontro agguerrito con l’europarlamentare del M5s, Ignazio Corrao.

Il primo motivo del duello è il reddito di cittadinanza, sul quale Cazzola, dopo aver rimbrottato il politico pentastellato perché rideva, osserva: “Hanno presentato un emendamento grazie al quale uno può rifiutare un lavoro se gli danno meno di 858 euro al mese. Così si taglia definitivamente il part-time. Voi dei 5 Stelle fate delle promesse che non sarete mai in grado di mantenere. Il fatto che voi promettiate un posto di lavoro attraverso i centri per l’impiego con tre offerte, nessuna delle quali può essere inferiore a 858 euro al mese, è una fandonia, è una bugia“.

Lo scontro riprende minuti dopo sulla Quota 100. Cazzola difende fieramente la Riforma Fornero, ma Corrao replica: “Con Quota 100 ci sono decine di migliaia di richieste di pensionati”.
“Ma che cazzo mi viene a dire?”, ribatte Cazzola.
Vedo che Cazzola ormai parla francese“, scherza Rinaldi.
“Non si può sentire Cazzola che con la sua spilla francese si lamenta del fatto che noi stiamo combattendo la povertà” – insorge Corrao – “Ma vada a manifestare in Francia coi gilet gialli“.
“Si vergogni” – ammonisce Cazzola – “Noi con Monti abbiamo salvato il Paese“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gruber: “Renzi, Di Maio, Di Battista, Boschi hanno padri un po’ truffaldini”. D’Esposito: “Casi non equiparabili”

prev
Articolo Successivo

Emma Marrone, Sallusti vs Telese: “Suoi fan non sono per gambe aperte ma per porti chiusi. Lei vive in mondo dorato”

next