A Melegnano oltre un migliaio di persone ha partecipato al corteo di solidarietà alla famiglia che ha adottato un ragazzo senegalese, Bakary, e si è ritrovata scritte razziste e insulti sotto casa. “Oggi in Italia c’è un clima di ostilità nei confronti dei migranti maggiore rispetto a quello di anni fa a causa di leggi e proclami di alcune personalità del governo”, racconta Paolo Pozzi, il padre adottivo del ragazzo. Da segnalare, all’inizio del corteo la presenza provocatoria di alcuni ragazzi che hanno esibito tatuaggi neonazisti prima di essere allontanati dal corteo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, quattro morti nel Lazio: anche un 14enne mentre riparava i danni con il padre. Allerta anche domenica

next
Articolo Successivo

Foligno, “Il maestro le disse: piccola, ti posso chiamare scimmia?”. Parla il legale della famiglia dei bambini nigeriani

next