Maurizio Crozza torna sul Nove con Fratelli di Crozza e dedica il suo monologo alla sinistra (e al centrosinistra) italiana: “Non parla di diritti e lavoro da anni. Dopo tutti i governi a guida Pd, a nessuno è venuto in mente di inserire un salario minimo”. Sferzate del comico genovese a Matteo Renzi, sulla vicenda dei genitori finiti in carcere, e a Carlo Calenda.

Vide Nove

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il caso Diciotti ci insegna che un populismo va pure bene. Ma due sono davvero troppi

prev
Articolo Successivo

De Luca: ‘Scarrafoni in ospedale? Una guerra, tra 200 anni avrò un monumento’. Su Toninelli: ‘Viene da Cepu’

next