La tessitrice di Campotosto, comune in provincia dell’Aquila, si chiama Assunta Perilli. È un’archeologa e dal 2000 (anno in cui ritrova casualmente in cantina il telaio della nonna) si occupa di tessitura a mano con l’antico telaio di inizi ‘900 e con attrezzi che hanno più di 100 anni. Non solo, conosce tutta la filiera della lana e del lino grazie all’aiuto delle donne anziane del paese (oggi non ci sono più) che le hanno tramandato anche la cultura delle tradizioni della zona. Dopo il terremoto del gennaio del 2017 sono rimasti circa 60 abitanti, i restanti 70 si sono trasferiti a L’Aquila, alcuni nelle case di proprietà, altri nei cosiddetti map, i moduli abitativi provvisori. Lei ci tiene a non essere definita “resiliente”, ma semplicemente amante della montagna

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, carabiniere di giorno e spogliarellista di notte: l’Arma gli vieta la libera uscita per una settimana

prev
Articolo Successivo

Rovigo, minaccia il suicidio da un ponte: i passanti lo insultano. “Buttati pagliaccio, così possiamo tornare a casa”

next