Un carabiniere non può esibirsi come spogliarellista. Ne va di mezzo il prestigio dell’Arma. E quindi è legittima la sanzione disciplinare della consegna semplice, ovvero il divieto di libera uscita per una settimana, che era stato deciso dai superiori del prestante milite che la sera si esibiva in streep tease, pare anche molto apprezzati. La legittimità della punizione è stata confermata dal Tribunale amministrativo regionale del Veneto che ha preso in esame il ricorso del carabiniere, però respingendolo.

L’interessato è un carabiniere scelto, in servizio presso il comando Interregionale dei Carabinieri a Padova. Nel 2016 un esposto aveva segnalato le singolari performances dell’uomo, che si è esibito in alcuni locali del Veneto e avrebbe perfino pubblicizzato la propria attività attraverso i social. A corredo della denuncia c’erano anche fotografie inequivocabili, scattate durante le esibizioni in pubblico. Il procedimento disciplinare risale al giugno 2016 e contestava al carabiniere scelto di “aver tenuto in più occasioni, e in particolare all’interno di un esercizio pubblico sottoposto a possibili controlli di polizia i cui titolari erano a conoscenza del suo stato di carabiniere, un contegno caratterizzato da assoluta minore serietà e decoro. Tale comportamento oltre a condizionare l’esercizio delle funzioni di militare dell’Arma, ha leso in pubblico gravemente il prestigio dell’Istituzione”. Nel giro di poche settimane era stata presa la decisione di punirlo con la consegna semplice, ovvero il divieto alla libera uscita per sette giorni. Il ricorso gerarchico, con la spiegazione della propria tesi difensiva, era però stato respinto. Di qui la decisione del carabiniere di ricorrere al Tar.

Le contestazioni si appuntavano soprattutto su un episodio, avvenuto in un ristorante vicentino. Ma l’interessato, pur confermando quanto accaduto in quella occasione, aveva cercato di sminuirne la gravità. E riferendosi ad altri momenti, di cui c’era traccia fotografica, aveva affermato che gli spogliarelli erano avvenuti, senza essere pagato, semplicemente nel corso di feste con amici. Si era detto dispiaciuto per non aver pensato che in quel modo creava un danno d’immagine ai Carabinieri. La linea difensiva è stata ribadita al Tar, con la spiegazione che il suo comportamento non aveva interferito con i doveri professionali.

I giudici amministrativi gli hanno però dato torto ritenendo i fatti “adeguatamente accertati e verificati in fase istruttoria e non contestati dal ricorrente”. I giudici hanno scritto: “Gli atti evidenziano il luogo e il contesto in cui si è verificato lo specifico episodio contestato, ovvero un pubblico esercizio alla presenza di più persone, alcune delle quali erano a conoscenza che il ricorrente era un carabiniere. Tali circostanze sono sufficienti a rivelare il disvalore, sotto il profilo disciplinare, della condotta”.

Articolo Precedente

San Ferdinando, rogo nella baraccopoli: muore 28enne. La prefettura prepara un piano di trasferimento. Cgil: “Un’altra tragedia annunciata”

next
Articolo Successivo

La storia di Assunta Perilli e dell’antico telaio salvato dal terremoto: “Così conservo un sapere secolare”

next