Patteggiamento della pena dall’accusa di corruzione in atti giudiziari per gli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore. Il gup di Roma, Alessandro Arturi, ha accolto la richiesta dopo il parere favorevole della Procura. Agli imputati sono stati inflitti rispettivamente 3 anni e 2 anni e nove mesi. Il procedimento rientra nell’indagine sulle sentenze pilotate presso il Consiglio di Stato. Il giudice ha stabilito anche una multa di 73mila euro per Amara e di 30mila euro per Calafiore.

Solo una settimana fa nell’ambito dell’inchiesta c’erano stati nuovi arresti. Ai domiciliari sono finti il giudice Nicola Russo, già coinvolto in altre vicende giudiziarie, l’ex presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Sicilia Raffaele Maria De Lipsis, l’ex giudice della Corte dei Conti, Luigi Pietro Maria Caruso. Destinatario dell’ordinanza anche il deputato dell’assemblea regionale siciliana Giuseppe Gennuso. Secondo la procura di Roma le “mazzette” messe a disposizione dei giudici corrotti erano di 150 mila euro. Indagine che si basa
sulle dichiarazioni fatte negli ultimi mesi da Amara e Calafiore, arrestati nel febbraio del 2018 scorso nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta.Tre 

Tre settimane fa la procura di Roma ha chiesto altri sei mesi di indagini per 31 persone. Un provvedimento ‘omnibus’, spiegano fonti in cui rientra anche il filone della corruzione in atti giudiziari. Nel registro degli indagati, per questa vicenda, è finito anche il presidente di Sezione, Sergio Santoro. Tra gli indagati risultano anche avvocati, professionisti e uomini d’affari. I pm romani nei mesi precedenti hanno cercato di ricostruire la rete e le aderenze su cui potevano contare gli indagati. Il 26 settembre scorso è stato arrestato un maresciallo dei carabinieri, ex Aisi, per l’accusa di falso in atto pubblico. Il militare era informato, in tempo reale, da una talpa sugli sviluppi della maxindagine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processi: mancano i traduttori, così il M5s presenta un’interrogazione parlamentare (a se stesso)

prev
Articolo Successivo

Mattarella concede la grazia a tre anziani che uccisero per disperazione

next