“Giù le mani dell’Asilo” è uno degli slogan con cui oggi una cinquantina di anarchici, nel settore destinato al pubblico dell’aula bunker delle Vallette, ha gridato per impedire al pubblico ministero Roberto Sparagna di prendere la parola al processo ‘Scripta manent’. La Corte ha interrotto l’udienza del processo in cui 23 anarchici sono imputati per terrorismo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monza, testata a un ragazzino: consigliere della Lega denunciato

prev
Articolo Successivo

Cervinia, bloccata la seggiovia del Cretaz. 30 sciatori soccorsi con l’elicottero

next