Sedici poliziotti coinvolti a vario titolo nel pestaggio del giornalista inglese Mark William Covell, che riportò gravissime lesioni durante il blitz nella scuola Diaz, durante il G8 di Genova del 2011, dovranno risarcire lo Stato. I giudici della seconda sezione d’appello della Corte dei Conti hanno confermato la sentenza di primo grado che li condannava a un risarcimento complessivo di 110mila euro, centomila per le lesioni e 10mila per le calunnie.

I fatti contestati risalgono alla notte tra il 21 e il 22 luglio del 2001, quando Covell venne picchiato dagli agenti davanti ai cancelli della Diaz, rimanendo gravemente ferito. Covell era poi stato arrestato con accuse che si erano rivelate false. I giudici d’appello hanno in parte dichiarato inammissibili e in parte rigettato gli appelli proposti da alcuni dei poliziotti confermando la sentenza emessa nel 2015 dalla sezione della Liguria, che aveva condannato al risarcimento di 40mila euro l’allora comandante del VII nucleo antisommossa, Michelangelo Fournier, e a 60mila euro l’allora comandante del primo reparto mobile di Roma, Vincenzo Canterini. La responsabilità maggiore per la procura era da attribuirsi a Canterini e Fournier in quanto avevano lasciato “carta bianca” nell’utilizzo della forza, “consentendo ai propri uomini di commettere insensati atti di violenza”.

I giudici contabili avevano poi condannato, in solido, a un risarcimento di 10mila euro: Francesco Gratteri, il numero due della Dia Gilberto Caldarozzi, Giovanni Luperi, Spartaco Mortola, Nando Dominici, Filippo Ferri, Fabio Ciccimarra, Carlo Di Sarro, Massimo Mazzoni, Davide Di Novi, Renzo Cerchi, Massimiliano Di Bernardini, Massimo Nucera e Maurizio Panzieri. In via transitoria, il Viminale aveva risarcito il giornalista inglese con 350mila euro (340 per le lesioni subite e 10 mila per le calunnie). Ed è proprio quella cifra, che la procura contabile contestava come danno erariale ai poliziotti, ridotta però dai giudici di primo grado a 100mila euro per le lesioni e 10mila per le calunnie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ustica, Stato non paga familiari di una vittima: pignoramento per 1,5 milioni

prev
Articolo Successivo

Brindisi, carbone della centrale Enel sui campi: condannati in appello 2 manager. ‘Provincia da risarcire’: chiesti 500 milioni

next