Dominik Paris ha vinto la medaglia d’oro nel Supergigante ai Mondiali di Are, in Svezia. L’azzurro, sceso con il pettorale numero 3 ha chiuso con il tempo di 1.24.20 che, nonostante qualche piccolo errore, gli è valso il titolo.

Per il 29enne di Merano si tratta del primo titolo mondiale della carriera, aveva vinto una medaglia d’argento in discesa nel 2013 a Schladming. Dopo l’argento di Sofia Goggia, sempre in SuperG, arriva quindi la seconda medaglia per i colori azzurri.

E l’Italia ha sfiorato la doppietta sul podio, con il quarto posto di Christof Innerhofer che ha chiuso in 1.24.55. La medaglia d’argento è andata a parimerito al francese Johan Clarey e all’austriaco Vincent Kriechmayr con il tempo di 1.24.29. Mattia Casse ha invece chiuso in ottava posizione con il tempo di 1.24.70, mentre ha saltato una porta Matteo Marsaglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali sci, SuperG: Goggia è argento. Battuta da Shiffrin per soli 2 centesimi

prev
Articolo Successivo

Sci, governo punta sulla sicurezza: casco obbligatorio per tutti, defibrillatori, multe. Anef: “Bene, ma turismo rischia”

next