“La squadra è finalmente pronta e sono molto orgogliosa e felice di presentarla”. Il ministro della Sanità Giulia Grillo ha annunciato così la firma del decreto di nomina dei 30 membri non di diritto (quelli di diritto sono ministeroAgenzia del farmaco e Istituto superiore di sanità) del Consiglio Superiore di Sanità (Css) che, dopo l’insediamento nominerà il nuovo presidente. Nella nuova squadra, però ci sono soltanto tre scienziate, contro le 14 del precedente Css che era stato nominato da Beatrice Lorenzin nel 2017. Grillo aveva però deciso di revocare i 30 membri per dare un segnale di discontinuità rispetto al passato. Tra i nominati, sono stati riconfermati i professori Bruno Dallapiccola e Giovanni Scambia, mentre escono dal Css il farmacologo Silvio Garattini, che sarà ancora “fortemente impegnato per questo ministero nel difficile tavolo della Governance Farmaceutica“, rileva una nota del dicastero, e il professor Edoardo Boncinelli. Alcuni dei precedenti membri non di diritto, tra i quali il professor Alberto Mantovani, precisa il ministero, “avevano da tempo rassegnato le dimissioni a causa dei numerosi impegni internazionali”. Tra gli scienziati nominati da Grillo c’è anche Camillo Ricordi, professore di di Chirurgia e Medicina dei Trapianti cellulari all’università di Miami, finito al centro delle polemiche su Stamina. Ricordi infatti chiedeva che venisse analizzato il metodo dal punto di vista scientifico, senza schierarsi a priori né pro né contro.

L’elenco completo – Sergio Abrignani, Ordinario di Patologia Generale-Università di Milano; Adriano Aguzzi Direttore dell’Istituto di Neuropatologia di Zurigo; Mario Barbagallo Ordinario di Geriatria-Università di Palermo; Mario Alberto Battaglia Ordinario di Igiene e Salute Pubblica-Università di Siena; Luca Benci Docente di diritto sanitario-Università di Firenze; Renato Bernardini Ordinario di Farmacologia-Università di Catania; Giuseppe Campanile Ordinario di Scienze e Tecnologie Animali-Università “Federico II” Napoli; Claudio Cobelli Ordinario di Bioingegneria-Università di Padova; Giulio Cossu Ordinario di Medicina Rigenerativa-Università di Manchester; Giuseppe Curigliano Associato di Oncologia Medica-Università di Milano; Bruno Dallapiccola Direttore Scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Domenico De Leo Ordinario di Medicina Legale-Università di Verona; Paola Di Giulio Associato di Scienze Infermieristiche-Università di Torino; Marco Ferrari Ordinario di Malattie Odontostomatologiche-Università di Siena; Carlo Foresta Ordinario di Endocrinologia-Università di Padova; Silvia Giordano Ordinario di Istologia-Università di Torino; Andrea Giustina Ordinario di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo-Università S. Raffaele di Milano; Andrea Laghi Ordinario di Radiologia-Università Sapienza di Roma; Franco Locatelli Direttore Dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica dell’Ospedale Bambino Gesù; Francesco Longo Associato Dipartimento Analisi Politiche e Management Pubblico-Univ. Bocconi; Vito Martella Ordinario di Malattie Infettive degli animali domestici-Università di Bari; Maria G. Masucci Ordinario di Virologia presso il Karolinska Institute di Stoccolma- Membro Commissione Nobel; Marco Montorsi Rettore dell’Università Humanitas; Paolo Pederzoli Ordinario di Chirurgia Generale – Università di Padova; Giuseppe Remuzzi Direttore dell’Irccs “Mario Negri”-Milano; Camillo Ricordi professore di Chirurgia e Medicina dei Trapianti cellulari-Università di Miami (Florida); Massimo Rugge Ordinario di Anatomia Patologica ed Oncologia- Università di Padova; Giovanni Scambia Direttore Scuola Specialistica in Ginecologia e Ostetricia- Università S. Cuore Pol. Gemelli; Fabrizio Starace Direttore Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche – Ausl di Modena; Paolo Vinei Ordinario di Epidemiologia presso l’Imperial College di Londra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, Cremaschi vs Brambilla: “Ragiona come uno schiavista”. E l’imprenditore lascia la trasmissione

prev
Articolo Successivo

Decreto Semplificazioni, il governo pone la fiducia. Le opposizioni protestano: “Non lasciano parlare il Parlamento”

next