“Sono il generale Francisco Esteban Yanez Rodriguez e riconosco il presidente Juan Guaidò“. Si apre così il video con cui Francisco Esteban Yanez Rodriguez, generale dell’aeronautica militare venezuelana, riconosce Juan Guaidò come “presidente incaricato” del Venezuela. Yanez Rodriguez, che si presenta qualificandosi come direttore della pianificazione strategica dell’alto comando militare dell’aeronautica, dice che Maduro “ha a sua disposizione due aerei pronti ad ogni ora”, per cui “è ora che se ne vada”. Rivolgendosi al popolo venezuelano, dice che “il 90% della forza armata non sta con il dittatore. Sta con il popolo. La transizione alla democrazia è imminente, questo popolo ha già sofferto abbastanza”, aggiunge. E poi invita “tutto il popolo del Venezuela a scendere in strada in maniera pacifica per difendere il nostro presidente Juan Guaidò. Ai miei commilitoni chiedo di non voltare le spalle al popolo venezuelano, basta con la repressione. Questo è il momento per la patria, il momento della democrazia è arrivato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezuela, generale dell’aviazione giura fedeltà a Guaidó: “Maduro ha due aerei pronti. Vada via dal Paese”

prev
Articolo Successivo

Parigi, ancora un sabato di proteste per i gilet gialli. Danni e scontri con la polizia in Place de la Republique

next