È stata scarcerata Laura Beatriz Gallo, attivista con il doppio passaporto italiano e venezuelano che era stata arrestata lo scorso 23 gennaio durante le proteste dell’opposizione e detenuta nel comando di polizia di Yaracuy, in Venezuela. La notizia, trapelata da alcuni media locali tra cui il giornale Yaracuy Al Día, è stata poi annunciata da Alfredo Romero, responsabile del Foro Penal, una associazione locale di avvocati, che ha precisato che a Yaracuy (Nord del paese) sono stati scarcerati anche 19 minorenni che erano stati arrestati sempre lo scorso 23 gennaio.

La conferma è poi venuta dal giornalista locale Said Gutierrez che ha pubblicato su Twitter una foto della Gallo mentre esce da un commissariato di polizia insieme ad una avvocatessa del Foro Penal che l’ha assistita. Gutierrez ha segnalato che Gallo è stata scarcerata perché ha ottenuto l’arresto domiciliare per motivi di salute. Laura Gallo è madre di Gabriel Gallo, leader locale di Volontà Popolare, il partito di Juan Guaidò, il presidente del Parlamento venezuelano che ha assunto i poteri dell’Esecutivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Temperatura a -27 gradi, il treno transita sopra le fiamme: il rimedio per evitare il congelamento dei binari

next
Articolo Successivo

Usa, “Trump verso il ritiro dal trattato sulle armi nucleari con la Russia”

next