Contestazioni e attimi di tensione al convegno organizzato dalla Lega a Roma e a cui le attiviste di “Non una di meno” hanno preso parte con un blitz di protesta, finendo oggetto di spintoni e insulti. Tornata la calma il senatore Simone Pillon, ai pochi intervenuti, ha illustrato gli obiettivi del suo contestatissimo Disegno di Legge sull’affido condiviso e sul quale il sottosegretario M5S ha espresso la sua netta contrarietà. “Non chiamatelo DDL Pillon ci sono cinque progetti di legge e siamo aperti a modifiche. L’obiettivo e fare una buona legge” afferma il senatore della Lega, che sul punto più controverso, ovvero l’alienazione parentale, citata anche nel ‘Contratto di Governo’, teoria non riconosciuta dalla scienza internazionale non risponde alle domande.