Contestazioni e attimi di tensione al convegno organizzato dalla Lega a Roma e a cui le attiviste di “Non una di meno” hanno preso parte con un blitz di protesta, finendo oggetto di spintoni e insulti. Tornata la calma il senatore Simone Pillon, ai pochi intervenuti, ha illustrato gli obiettivi del suo contestatissimo Disegno di Legge sull’affido condiviso e sul quale il sottosegretario M5S ha espresso la sua netta contrarietà. “Non chiamatelo DDL Pillon ci sono cinque progetti di legge e siamo aperti a modifiche. L’obiettivo e fare una buona legge” afferma il senatore della Lega, che sul punto più controverso, ovvero l’alienazione parentale, citata anche nel ‘Contratto di Governo’, teoria non riconosciuta dalla scienza internazionale non risponde alle domande.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michele Emiliano: “C’è un complotto tra Renzi e Vendola per farci perdere e consegnare la Puglia a Salvini”

next
Articolo Successivo

Fuorionda integrale Conte-Merkel, “Salvini è contro tutti”. E su M5s-Lega: “Se dico ‘basta’ smettono di litigare”

next