E’ salito in auto insieme a un amico e, dopo aver preso la strada contromano, ha investito due buttafuori all’esterno della discoteca Qube di Roma finendo anche contro alcune macchine in sosta per poi proseguire la fuga. E’ accaduto nella notte in via di Portonaccio. A dare l’allarme alcuni ragazzi che hanno assistito alla scena. Sul posto la polizia e la polizia locale.  Da una prima ricostruzione i due amici, visibilmente ubriachi, non sarebbero stati fatti entrare nella discoteca.

I buttafuori, soccorsi, sono stati trasportati in ospedale in codice giallo. La polizia locale dopo ricerche nei vari ospedali della città ha trovato un terzo ferito, ricoverato in codice rosso. Si ipotizza che possa essere un passante investito dall’auto in fuga. Intanto si indaga per risalire al conducente della macchina. In nottata la polizia ha fermato un ragazzo che aveva avuto una colluttazione con delle persone fuori dal locale e potrebbe essere suo amico.

Nella giornata di domenica è stata trovata dalla polizia l’auto con cui sono stati investiti due buttafuori. La macchina è stata individuata dai poliziotti in via Mammucari, in zona Colli Aniene, nello stesso quadrante della città in cui è avvenuto l’investimento. Proseguono le indagini per rintracciare il conducente. Secondo quanto si è appreso, i due buttafuori sono stati giudicati guaribili in 10 e 14 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giuseppe Zamberletti, morto il padre della Protezione civile. Borrelli: “Intuì per primo l’importanza della prevenzione”

prev
Articolo Successivo

Treviso, ragazza di 25 anni trovata morta nella sua stanza: voleva provare una nuova droga, forse l’eroina gialla

next