Cappuccio in testa, passamontagna e catene e lucchetti per sigillare i cancelli. Un gruppo di studenti, tra domenica e lunedì, ha occupato l’istituto alberghiero Giacomo Matteotti di Pisa. E ha causato danni per migliaia di euro. Il preside, come hanno riferito i giornali locali, ha dovuto chiamare le forze dell’ordine per riuscire a entrare nella scuola. Nelle immagini, pubblicate in un servizio giornalistico da Rtv38, si vedono i ragazzi incappucciati accanirsi contro banchi, computer e arredi. E proprio il filmato, insieme ad altri, è ora all’esame della polizia per risalire agli autori dei vandalismi, riusciti a dileguarsi.
Intanto già ieri una rappresentanza del movimento studentesco che sta promuovendo le proteste in città e in provincia (oggi sono stati occupati altri tre istituti superiori cittadini) si è dissociata dai danneggiamenti procurati all’alberghiero stigmatizzando l’accaduto. Le proteste di questi giorni sono scattate per denunciare le condizioni critiche, dal punto di vista dell’edilizia scolastica, in cui versano numerosi plessi scolastici.

Video Rtv38

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, chiuso Cara di Castelnuovo di Porto. Sindaco: ‘Erano parte della comunità’. Cgil: ‘120 lavoratori a rischio’

next
Articolo Successivo

Castelnuovo di Porto, sit-in per il Cara: ‘Migranti in strada’. Gara per ospitarli: tra loro il ‘campione’ della squadra del paese

next