Sfruttavano manodopera pagandola tre euro l’ora e facendola lavorare in condizioni degradanti, senza alcun rispetto delle norme di sicurezza e di igiene. Lo ha scoperto la polizia di Cremona che questa mattina ha eseguito diverse ordinanze di custodia cautelare nei confronti di una serie di soggetti accusati di far parte di un’organizzazione criminale dedita al caporalato. Gli agenti hanno sottoposto quattro persone agli arresti domiciliari quattro e un’altra all’obbligo di dimora. Altri due del gruppo sono ancora ricercati.

Secondo quanto accertato dalla squadra mobile della città lombarda, con indagini svolte tra aprile e novembre 2018, il sodalizio, composto da un cittadino tunisino, cinque marocchini e un italiano, utilizzava cittadini extracomunitari sottopagati impiegandoli nel business della raccolta degli indumenti usati. Gli abiti erano destinati ai mercati del Nord Africa dove venivano distribuiti e rivenduti. I reati sono stati commessi principalmente nella zona di Cremona, in particolare a Soresina, ma anche in altre province del nord Italia come Como, Bergamo e Reggio Emilia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spoleto, detenuto tunisino bloccato in carcere prima della messa con vescovo. Il Dap: “Aveva coltello rudimentale”

prev
Articolo Successivo

Migranti, l’attivista Brhane: “Frustate e stenti, ecco cosa significa essere riportati in Libia. Io so, perché l’ho vissuto”

next