“La maglietta per la parità di genere venduta a scopo benefico dalle Spice Girls viene prodotta in Bangladesh da donne pagate 40 centesimi l’ora”. La denuncia è del Guardian. Il quotidiano britannico in un’inchiesta accusa la Interstoff Apparels, di sfruttare le sue operaie per produrre anche 2000 capi al giorno, guadagnando cifre misere. Tutto per cucire le t-shirt limited edition #Iwannabeaspicegirl, messe in commercio dal celebre gruppo pop dopo la recente reunion.

Un’accusa da cui le quattro (Victoria Beckham non è mai rientrata nel gruppo), si sono subito difese dicendo di non saperne nulla. “Sono scioccate”, ha commentato un portavoce delle Spice, dando la colpa al sito a cui le magliette sono state commissionate, Represent, che avrebbe cambiato fornitore all’ultimo. Intanto la band ha subito chiesto al rivenditore di donare parte degli introiti ai meno abbienti. Il capo esclusivo prodotto da Mel C., Mel B., Geri Halliwell e Emma, costa poco più di 19 sterline. Di queste 11 vengono donate all’associazione Comic Relief per aiutare la campagna a favore dell’equità tra uomini e donne. Un progetto umanitario che la band ha lanciato qualche mese fa, sottolineando di aver sempre tenuto a temi come “l’uguaglianza e i diritti delle persone”.

Anche l’azienda bangladese ha subito respinto le accuse, dichiarandole false. Il Guardian cita la storia di Salma (nome di fantasia) e le buste paga di molte sarte della ditta. Secondo le accuse del quotidiano britannico, oltre a essere sottopagate, le ragazze spesso molto giovani, poco più che ventenni, venivano costrette a sostenere ritmi elevati, cucendo anche 16 ore consecutive al giorno. Tra le lavoratrici vessate, infine, anche alcune donne incinta. L’inchiesta, scrive in fondo all’articolo il giornalista del Guardian, vuole essere anche un appello ai consumatori britannici. E a pronunciarlo è proprio la ragazza, Salma, che con il suo racconto dà vita a tutto il pezzo. “Anche l’ambiente di lavoro non è buono – dice – Voglio solo portare questo problema all’attenzione del pubblico globale. Non siamo abbastanza pagati e lavoriamo in condizioni disumane qui”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gino Strada attacca il governo: ‘Metà fascisti metà coglioni. Idee hitleriane’. E Salvini: ‘Fine mangiatoia li fa impazzire’

prev
Articolo Successivo

Africa e migranti, aiutiamoli a casa loro? E invece li sfruttiamo: dal pesce del Senegal ai diamanti e il petrolio

next