Sciopero generale nazionale di 4 ore del trasporto pubblico locale e nel settore del noleggio di pullman con conducente contro “le proposte europee di nuove norme sui tempi di guida e di riposo per il personale dei servizi di trasporto passeggeri a lunga percorrenza”. Modifiche che, secondo le sigle, “liberalizzano il mercato dei servizi di trasporto passeggeri, svolto con autobus e pullman nell’Unione europea“. A proclamare la mobilitazione sono Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Faisa-Cisal e Fast Confsal.

A Milano, l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana è prevista dalle 8:45 alle 12:45. La circolazione sulla linea M1 prosegue regolare sull’intera tratta. Sulla linea M2 la circolazione è garantita tra Cascina Gobba e Abbiategrasso, mentre è sospesa nelle tratte Assago-Famagosta e Cascina Gobba-Gessate/Cologno. La linea M3 effettua servizio tra Maciachini e Porta Romana. Circolazione sospesa tra Maciachini e Comasina e tra San Donato e Porta Romana. La circolazione della linea M5 viene gradualmente sospesa. In superficie possibili riduzioni del servizio dovute al traffico intenso.

Le altre città – A Como, lo sciopero del personale della funicolare di Como – Brunate è prevista dalle 8,45 alle 12,45. A Firenze, la protesta è articolata in due fasce orarie: per le aziende del Tpl su gomma dalle 17 alle 21, per Gest e quindi la tramvia dalle 13 alle 17. A Bologna, il trasporto pubblico si ferma dalle 10.30 alle 14.30, mentre a Venezia dalle 10 alle 13. A Napoli e a Palermo lo sciopero inizierà alle 9 e terminerà alle 13. A Bari sarà dalle 8.30 alle 12.30.

Sono esclusi dallo sciopero i trasporti pubblici di Torino e Roma, in ottemperanza del principio di rarefazione oggettiva che garantisce un intervallo di tempo tra uno sciopero e l’altro nello stesso bacino di utenza e di Genova, vista la situazione straordinaria della viabilità, a seguito del crollo del Ponte Morandi.

Infine si terrà, dalle 10 alle 14, lo stop dei conducenti di pullman a noleggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Donna carbonizzata a Brescia: se a uccidere è un’altra donna, si tratta di femminicidio?

prev
Articolo Successivo

Tiziano Renzi, insulti all’ex dipendente nel servizio de ‘Le Iene’: “Faccia di m…”

next