“Le ragioni di difesa” del sistema bancario “non possono essere ignorate e probabilmente noi abbiamo un problema di questo tipo nell’ordinamento europeo che permette poco e difficilmente l’intervento pubblico”. A sottolinearlo Giovanni Tria, ministro dell’Economia, citando e ricordando Guido Carli che, pur favorevole alla privatizzazione delle banche e contrario al loro “uso strumentale” in politica economica, ammetteva un ruolo pubblico in caso di “difesa di alcuni settori e mancanza di acquirenti”.

“Oggi abbiamo la stabilità monetaria, anche se forse è interpretata in modo troppo rigoroso, perché si cerca il target di inflazione al 2% e ancora dopo anni non siamo arrivati a quel punto”, ha poi osservato Tria, nel corso del suo intervento all’Abi alla presentazione del volume ‘Mercato, Europa e Libertà‘ che raccoglie gli interventi di Guido Carli. Ma, contemporaneamente, ha aggiunto il ministro, “abbiamo il problema della fiducia, che non è un problema che si risolve ma si ripresenta, quindi è un problema non risolto, e lo sperimentiamo in Italia in questo periodo”.

Infine, per Tria, “l’idea secondo cui i comportamenti virtuosi di finanza pubblica si impongono con vincoli (anche europei, ndr) che rendono sempre più costosi i comportamenti devianti è un’idea che non ha funzionato bene. I vincoli esterni a volte comportano un aggravamento del comportamento che si vuole correggere. Ma questa è la ratio con cui si è costruita e continua a costruirsi l’architettura europea”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casalino dà a Salvini il cartello con la scritta “reddito di cittadinanza” e lui reagisce così: imbarazzo prima della foto

prev
Articolo Successivo

De Luca: “Di Battista? Turista pellegrino che critica lo stipendio di Juncker. Pensi alla paga di Rocco Casalino”

next